Best of 2015: infografiche

Infografiche per posta. Infografiche drogate. Infografiche da trentenni. Infografiche con cent’anni di storia. E ancora: infografiche sui cognomi di Matera, sulla musica elettronica, sui cocktail…
Ecco com’è stato il 2015 di Frizzifrizzi all’insegna di grafici, diagrammi e mappe concettuali.

alcool

1. In una serie di poster minimalisti l’effetto che hanno le droghe sul cervello

La designer neozelandese Meaghan ha “tradotto” in una serie di poster la reazione che ha il nostro cervello alle prese con alcune tra le droghe più diffuse.
Link

Facebook

2. Che succede quando diventi un trentenne

Succede che cominci ad ascoltare i consigli dei genitori, che ti alzi prima e vai a dormire prima, a postare su Facebook foto di bambini e animali invece di feste, selfie e gif di gattini, come spiega questa serie di divertenti grafici che raccontano cosa significa entrare nei 30.
Link

da “Graphic Presentation”, di Willard Cope Brinton, Brinton Associates 1939

da “Graphic Presentation”, di Willard Cope Brinton, Brinton Associates 1939

3. Un manuale su grafica e infografica di 100 anni fa

Un volume del ’39 che passa in rassegna decine di tecniche di rappresentazione dei dati. Un vero e proprio manuale sulle infografiche che quasi un secolo di storia e si può sfogliare interamente online.
Link

per aprire l'immagine ad alta risoluzione clicca qui

4. Tutti i colori dei Lego

Un appassionato di Lego si è messo in testa di rintracciare tutti i colori dei famosi mattoncini e ha creato una sorta di infografica “analogica”.
Link

svcf_1

5. La tesi di laurea di una giovane graphic designer sul sistema visivo di catalogazione dei farmaci

«Se aprissimo un qualsiasi “sportello dei medicinali” di una qualunque famiglia italiana, ci troveremmo davanti a un piccolo museo del farmaco, dove della maggior parte dei pezzi esposti si sono persi i dati fondamentali, per esempio a cosa serve», spiega Guendalina Fazioli, che con la sua tesi ha provato a ripensare il sistema di catalogazione dei farmaci in modo da renderli più comprensibili.
Link

dear_data_4

6. Dear Data: quando la mail art incontra l’infografica

Due information designer, una italiana e una americana, hanno cominciato a spedirsi ogni settimana una cartolina, raccontandosi l’un l’altra, attraverso un’infografica creata interamente a mano, un pezzetto della loro vita, un tema alla volta.
Link

P-Mixology_Vodka_Zoom

7. In sei poster le infografiche dei cocktail più famosi

Sei intricatissime stampe ti insegnano le ricette dei cocktail preparati con vodka, rum, gin, tequila, whiskey e brandy attraverso una serie di grafici.
Link

Dorothy-104 Electric Love_B Web

8. In un poster la storia della musica elettronica

Un poster che ha l’aspetto del circuito elettrico di un theremin, trasformato in un’infografica che traccia i collegamenti tra gli oltre 200 musicisti, compositori e inventori che in qualche modo hanno fatto la storia della musica elettronica.
Link

valar_morghulis_3

9. Tutti i morti delle prime 4 stagioni di Game of thrones

Arriva solo fino alla quarta stagione (quindi c’è meno rischio di spoiler ma chi non ha ancora visto a serie e intende farlo, si tenga alla larga da questo sito) ma il mini-sito creato dal Washington Post mostra una vera e propria valanga di informazioni sui personaggi morti (ergo: quasi tutti quelli che appaiono nella storia) di Game of thrones.
Link

The_surnames_of_Matera_1

10. I cognomi di matera: l’arte dell’infografica come celebrazione del proprio retaggio

Il designer materano Francesco Paternoster ha tradotto gli Open data della sua città e realizzato un’infografica-tipografica disponendo i cognomi in ordine decrescente di diffusione con accanto il numero di residenti che li portano.
Link