Chi siamo

Dal 2006

Frizzifrizzi è magazine online di cultura pop.
Con oltre 2.500.000 di pagine lette ogni mese Frizzifrizzi è uno dei punti di riferimento, nel panorama italiano della rete, per arte, design, libri, riviste indipendenti, moda, eventi, sia per gli addetti ai lavori che per i semplici appassionati.

* * *

Piattaforma: WordPress
Tema: 15zine
Font: Open Sans Condensed & Cormorant Garamond

Redazione

Frizzifrizzi
via Francesco Barbieri 11/2
40129 Bologna (BO)
Italy

* * *

Co-fondatore e direttore
Simone Sbarbati

Co-fondatrice e caporedattrice
Francesca Arcuri

Co-fondatrice e caporedattrice
Ethel J. Margutti

Social

Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
RSS

Advertising

Per progetti editoriali, progetti speciali (marketing and social), progetti native advertising, partecipazioni a blog tour, contattate:

Francesca Arcuri

Gli autori

Simone Sbarbati

co-fondatore e direttore

Papà, co-fondatore e direttore di frizzifrizzi, ossessionato da catalogazione e contesto, rispondo alle mail con malavoglia e in ritardo, attiro i ragni, ho un buco nero sul balcone.

Francesca Arcuri

Francesca Arcuri

co-fondatrice e caporedattrice

Non più nomade, ma neppure stabile. Crotonese di nascita, bolognese d’adozione. Pagine e pagine di Diritto felicemente alle spalle, nel 2006 ho fondato Frizzifrizzi con Ethel Margutti e Simone Sbarbati e – a quanto dicono da queste parti – sono caporedattore.
Sono curiosa perciò scrivo.

Ethel Margutti

co-fondatrice e caporedattrice

Ho 36 anni, bergamasca ma trasferita a Bologna. A gennaio 2007 fondo insieme a Simone Sbarbati e all’amica Francesca Arcuri il blog Frizzifrizzi.
Amo il pane (in ogni forma, ogni consistenza e ogni tipo di croccantezza) e non sopporto “chi se la tira”, del resto il mio proverbio preferito è: “dire pane al pane e vino al vino!”

Giulio Ciappelli

imbrattacarte

Babbo di due, nevrotico, ex fumatore compulsivo, avido lettore, sognatore a puntate, distopico, perdigiorno patentato, intelligente ma non si applica.
All’inizio del 2017 fonda BookBusters.it per dare finalmente sfogo a una passione che è già malattia da tempo. L’amore per i libri. Sopratutto usati.
Attualmente in visita su FrizziFrizzi e nei migliori negozi di mentine.

Francesca Alvino

contributor

Nata a Napoli, trapiantata a Roma e poi fuggita a Bologna, faccio ancora la soap operaia e medito un salto di qualità esistenziale basato su cibo, vino e amabili conversari. In barba alla laurea in Lingue, al diploma del Centro Sperimentale e a quindici anni di TV vissuti pericolosamente.

Andrea Broggi

autore della rubrica “Che ne sai tu di porno?”

È co-autore di due libri di topografia del territorio che non consiglierebbe di leggere nemmeno al suo peggior nemico, di una serie di fiabe reinterpretate in versi in attesa di un editore che le pubblichi e ogni giorno scrive, dividendosi tra il suo alter ego di Giallo del collettivo autorale Shingo Tamai, il suo blog personale Lettere e giorni e una lunga serie di altri mestieri. Non sa cosa sia la noia, a giorni alterni ricorda invece la modestia, dorme meno di sei ore a notte, è per natura indolente ed è possessore di un lato razionale che stupra con quotidiana costanza la sua sensibilità. Spesso è stato dichiarato difensore delle cause perse, quando non accade, fa in modo di dichiararcisi da sé. Ama buttarsi a capofitto nelle cose che fa, la qual cosa lo ha portato a fare abbastanza lavori da poter diventare il protagonista di una di quelle collane di libri che insegnano i vari mestieri ai bambini. Ama i sorrisi, i cervelli, le donne (direbbe almeno quattro in particolare) e tutte quelle piccole cose che fanno la differenza tra una pasta al burro e un filetto al pepe verde. Ringraziando Google è il primo della lista col suo nome.

Angela Nicoletti

contributor

A 31 anni cercavo il Portogallo e ho trovato Berlino; cercavo un lavoro e ho trovato una passione: scrivere. A 35, sono sempre a Berlino con un sito nuovo (www.bittegerne.com), una mini casa, oggetti inutili e una città da scoprire.

Antonio di Summa

Antonio di Summa

contributor

Classe 89, ha studiato progettazione grafica a Torino e a Urbino per poi tornare in Puglia a prendere le redini della libreria indipendente fondata dai suoi genitori e tentare di salvarne le sorti. Mentre ci prova pensa spesso alla questione meridionale, ha pochissimo senso dell’equilibrio e assume sempre posture scorrette. Dice che non è vero che il caffè la sera non fa dormire. Ha bisogno di gente intorno che ascolti e gli consigli buona musica, non capisce niente di moda, preferisce le stanze agli open space.

Augusto Maurandi

Augusto Maurandi

contributor

Fondatore e direttore artistico di Spazio Punch, in passato pittore a tempo pieno, oggi curioso fotografo.

Carlo Occhiena

Contributor

Se passate a casa mia per bere un ottimo caffè lungo, vi potrebbe capitare di trovare una Kodak Monitor in mezzo ai tovaglioli, piuttosto che la mia Nikon digitale in mezzo all’armadio dei vestiti.
Quando sono stanco dei pixel, i vettori di Illustrator mi fanno compagnia, almeno fino a che la frustrazione non ha il sopravvento. Mi alleno a riconoscere tutti i font a memoria (no, non ce la faccio proprio a dire “le font”). Mi dicono che sono troppo rigido, a volte mi illudo sia una cosa positiva.

Claudia Stritof

contributor

Calabrese dal cognome un po’ strano. Pensa che la frase “ce lo caghi che sei un artista” tratta da Le straordinarie avventure di Penthotal di Pazienza sia geniale, eppure studia arte fin da piccola.
Ama la fotografia, collabora con una galleria d’arte di Bologna che adora, ama il mondo del circo e i tatuaggi anche se ne ha solo uno e microscopico. Le piace raccontare ciò che c’è di bello nel mondo, ma anche ciò che è triste perché la vita non è “tutta rosa e fiori” come spesso la raccontano.
Pensa fermamente che aveva ragione quel gran furbacchione di Henry Miller quando diceva “il cancro del tempo ci divora” e prima che il tempo la divori, ogni giorno lei si alza e si ricorda che vivere non è scontato.

Davide Calì

editorialista

Davide Calì, fumettista, illustratore e autore per bambini.
I suoi libri sono pubblicati in Francia (da Sarbacane, Actes Sud, Thierry Magnier, Gulf Stream, Trimestre, Nobi-Nobi), Italia (Zoolibri, Kite), Portogallo (Bruua).
Ha pubblicato anche con Arka (Italia), Planeta Tangerina (Portogallo), Annette Betz (Austria) e Michel Lagarde Editions (Francia) con lo pseudonimo giapponese di Taro Miyazawa.
I suoi libri sono tradotti in una trentina di paesi e hanno vinto vari premi in Francia, Belgio, Spagna, Svizzera, Germania.
Diverse compagnie in Francia e Belgio hanno adattato suoi testi (L’ennemi, Moi j’attends) per il teatro ragazzi
I suoi fumetti per bambini escono regolarmente sul mensile Mes Premiers J’aime lire; i suoi fumetti per adulti escono su Fluide G.

Federico Demartini

autore della rubrica “Bisticci”

NO A LINKEDIN, SÌ A FRIZZIFRIZZI!
Per quanto sono stati densi i miei anni di lavoro, non ho mai avuto tempo di fare un portfolio. E se devo dirla tutta, non so nemmeno cosa sia un portfolio. Però credo che, se domani dovessi fare un colloquio, sarei felice di usare questa rubrica per mostrare “quello che faccio”.

Emanuele Rosso

fumettista e autore della rubrica “Tipo che”

Emanuele Rosso nasce a Udine nel 1982 e si trasferisce nel 2001 a Bologna. Realizza numerose autoproduzioni (soprattutto Pupak! con Sara Pavan e Paolo Cossi) e diventa assistente di Davide Toffolo (su Carnera. La montagna che cammina).
Pubblica diverse storie brevi, tra cui quelle apparse sulle antologie edite da Becco Giallo (Resistenze e Zero tolleranza) e Nda Press (Global Warming – Immagini che producono azioni).
Nel 2012 autoproduce il saggio illustrato David Foster Wallace’s ‘Roger Federer as religious experience e la raccolta di racconti Una stagione d’acqua.
Esordisce come autore di graphic novel nel 2013, con Passato, prossimo, pubblicato da Tunué. Ha organizzato workshop dedicati al fumetto, per pubblici di tutte le età. Nello stesso anno intraprende anche una collaborazione con il web magazine Fumettologica.
Dal 2007 inoltre fa parte di Hamelin, associazione culturale bolognese che si occupa di promozione della lettura, illustrazione e fumetto, e dello staff organizzativo di BilBOlbul. Festival internazionale di fumetto.
Si occupa professionalmente di fotografia e collabora con Radio Città del Capo (Popolare Network), conducendo il programma Questa è l’acqua.
Lo potete trovare su emanuelerosso.blogspot.it e emanuelerosso.tumblr.com.

Emma Cacciatori

Emma Cacciatori

contributor

Art director jr. Ghiotta di b-movie introvabili e marshmallows caldi. Disegno perlopiù animali grassi e dentati (ma non credo siano pericolosi).
Non mi separo mai dalla mia Graziella pieghevole: i mezzi pubblici sono pieni di gente che non sorride.

Francesca Basile

Francesca Basile

contributor

Milanese, digital communication freelance & blogger. Amo le cose belle, Sterlizie è il mio blog.

Francesca Santoro

editorialista

Dopo anni di permanenza in una nota azienda di lingerie italiana, Francesca Santoro, classe ’67, riesce finalmente a liberarsi dalla rete di pizzi e chiffon per proseguire ostinata nella sua avventura da ufficio stampa per le strade mondo, trovando così anche la giustificazione perfetta per una malcelata attitudine chiacchierona e grafomane. Si occupa di illustrazione e di musica, talvolta di moda, tenta di evitare gli inglesismi eccessivi e da qualche anno si è ritrovata anche amorevole “fangirl”, decifrando i fatti della vita attraverso uno sguardo filtrato dalle molte serie TV. Gattara convertita al canismo, dipende psicologicamente da Pinterest e tenta da anni, senza successo, di farsi un sito e un blog. Se la si cerca si può essere certi che la si troverà gobba sulla tastiera, custodita dai suoi ragazzi a quattro zampe, Lola e il Signor K. Come prevedibile ha una pagina Facebook, un account twitter (che non usa) e svariati altri social optional…

Francesco Liggieri

Francesco Liggieri

Contributor

Artista e curatore indipendente.
Da anni combino la mia ricerca pittorica alla scoperta e promozione di altri artisti di qualità: per questo ho fondato e dirigo No Title Gallery dal 2011.
Osservo, studio, mi informo e vivo nell’arte contemporanea, vero e proprio stimolo per le mie ricerche.

Gaia Genovese

contributor

26 anni, collaboratrice di “questo mondo e quell’altro magazine”, testarda, basmatyca e un po’ bisbetica. Ottimo rapporto col nichel, con l’estetica dell’inutile, esperta conoscitrice delle facezie dell’ovunque, sublime penna per molti e disinvolti conoscitori di hobbies e falpalà.

Giuliana Maccione

contributor

Abruzzese da 27 anni ed emiliana d’adozione da quasi cinque, col cuore a Bologna. Nella vita si occupa di pubbliche relazioni e moda (ma non ditelo a nessuno). Votata alle parole e ai carboidrati per deformazione, ai viaggi e ai rapporti umani per passione.

Giulia Bertuzzi

contributor

Nasco sotto il segno dell’unico oggetto che non voglio avere in casa. Scrivo di musica, dischi e illustrazioni, parlo nel sonno e vorrei una Polaroid Land Camera.

Michela Balboni

contributor

Fotografa e graphic designer, acquirente compulsiva di biglietti aerei. Scrivo di moda, viaggi e di quelle cose belle che ogni tanto riescono a stupirmi.

Luca Laurenti (Mklane)

contributor / illustratore

Omonimo di un noto personaggio tv, dopo aver capito che non poteva giocare in serie A, lavora e collabora come illustratore e art director per alcuni magazine internazionali e brand di abbigliamento. Attualmente, rispetto ad altri autori di Frizzifrizzi, non va in giro a bere champagne, e non ha né gatti né bambini di cui occuparsi.

Rocco Rossitto

contributor

Ha avuto 30 anni. È un freelance e si occupa di comunicazione come consulente. Ha creato “dieci cose – incontri pratici su come va il web oggi” e ogni mattina lancia “una cosa al giorno“. Le sue storie su “ Instagram ” sono piene di spazi all’aperto.

Sabrina Ramacci

Sabrina Ramacci

contributor

Prima di tutto viene RAMI, il mio progetto di trascrizione di lettere e diari privati. Perché anche la grafia più complicata è solo un segno da decifrare. Poi tante piccole ossessioni, tutte collegate tra loro, i timbri e le cartoline, la fotografia e le fanzine, la calligrafia e l’inchiostro… In effetti, vorrei vivere in una cartoleria. Cammino molto, sempre alla ricerca di messaggi scritti e poi abbandonati sull’asfalto. Ne trovo tantissimi.

Sartorius

personaggio misterioso e autore dell'omonima rubrica

Libero artigiano Veneto del tessile.

Silvia Cannas Simontacchi

contributor

Geek, blogger e web editor. Penso che il caffè sia solo l’espresso. Ho una fissa per l’America e Chuck Palahniuk.

Simona Ardito

contributor

30 anni, barese proud-to-be. Lavoro con i libri, il che è fico per l’80% del tempo, ma meno di quanto si pensi. Nel tempo libero (?!) scatto foto, seguo gruppi musicali più o meno sconosciuti, ma non sono hipster. Scrivo su selezionatissimi blog, riviste, siti web, post-it. Ho un dottorato in filosofia che mi serve per avere sempre ragione, e una passione insana per i dettagli strambi.
Sono intelligente, ma lo dissimulo benissimo.

Simona Spinola

contributor

Simona, non dichiara la sua età nemmeno sotto tortura, da 7 anni a Madrid, da 5 web content, da 30 a dieta.
Causa impazienza, non porta a termine nulla, ma nel frattempo si diletta scrivendo e cucendo, non sempre in quest’ordine.

Tommaso Bovo

editorialista

Nasce a Venezia ma vive e lavora a Firenze. Collabora con diverse aziende e studi di grafica. Insegna Graphic Design e metodologia del progetto presso l’Istituto Europeo di Design – IED. Si occupa di grafica, strategia di comunicazione e new media.

Tonia Salomè

contributor

Classe 1985. Curiosa come un gatto, studio moda da sempre, anche adesso allo IUAV di Venezia. Napoletana di nascita, cosmopolita per vocazione, aspetto la pioggia per catturare gli arcobaleni. Un giorno avrò un gatto-unicorno tutto mio.

Gaia Segattini

editorialista

Designer, Handmade scene hooligan e crafter compulsiva, autrice di manuali poco seri ma altamente fotogenici per Gribaudo, è fondatrice della manifestazione WeekenDoIt, blogger su vendettauncinetta.com e importunatrice seriale di vecchiette.

Zazie Vostok

Zazie Vostok

Nasce a Genova, ma con la maturità si trasferisce su un asteroide danzante, dal quale si dedica alle sue più grandi passioni: la letteratura, la fotografia, l’illustrazione, il fumetto e tutto quello che ruota attorno all’immagine. Conta di tornare, un giorno. Ma anche no.