Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

SOLO: un’autoproduzione dedicata al caffè, a chi lo fa, a chi lo beve

«Il mondo del caffè è un mondo vastissimo in cui non si finisce di imparare, che va approfondito ogni giorno e divulgato.
Pensa ai ristoranti: non c’è qualcuno che ti spiega o ti guida nella scelta del caffè, perfino in quelli di fascia molto alta. C’è qualcuno che ti accompagna nella scelta del vino, dell’acqua, dei lievitati, degli oli, ma non c’è quasi mai qualcuno che ti guida nella scelta del caffè…
Perché pare quasi che in Italia tutti debbano sapere e invece nessuno sa, perfino tra gli addetti ai lavori. Insomma pochi sanno».

La citazione è tratta dall’intervista in forma di abbecedario che la mia socia Francesca ha fatto qualche mese fa a un importante torrefattore italiano, Leonardo Lelli.

Ché la stragrande maggioranza degli italiani cominciano la giornata, “spezzano” la mattinata, celebrano la fine del pranzo e talvolta pure il dopocena davanti a una moka, a una macchinetta o al bancone del bar — ovviamente con un caffè — ma della celebre e preziosa bevanda ne sanno davvero poco. Tanto che stiamo assistendo all’ennesimo esempio di colonialismo culturale proveniente da oltre oceano, con la sempre più diffusa moda del caffè lungo americano, preferibilmente in bicchieroni brandizzati, chissà perché considerati assai fotogenici da immortalare in hipsterici still-life da condividere su Instagram.

E mentre dalla Svezia arriva il rito del fika (celebrato anche in questi giorni, a Milano, durante la settimana del design), anche nell’editoria indipendente — quella delle autoproduzioni, dei magazine in tiratura limitata e delle fanzine — in quanto a caffè c’è chi arriva prima di noi.

In questo caso è un piccolo editore spagnolo, Publications for Pleasure, a lanciare una pubblicazione interamente dedicata al caffè.
Si chiama SOLO (come gli anglosassoni chiamano l’espresso singolo, normale), uscirà a fine aprile (nel frattempo si può pre-acquistare online) ed è dedicata a chi il caffè lo produce, a chi lo serve e a chi lo beve, focalizzando però l’attenzione soprattutto sui processi, quelli di torrefazione e quelli di preparazione.

PRUEBA2-SOLO_1000

PRUEBA4-SOLO-copia_1000

PRUEBA5-SOLO_1000

PRUEBA3-SOLO_1000

PRUEBA1-SOLO_1000

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.