Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Lost Tablets: le enigmatiche sculture Lego di Jan van Schaik

C’è qualcosa di familiare e al contempo di alieno, nelle Lost Tablets di Jan van Schaik. Viene in mente la ormai celebre definizione di weird data dal sociologo e filosofo Mark Fisher: «Il weird è ciò che è fuori posto, ciò che non torna. Il weird apporta al familiare qualcosa che normalmente si trova al di fuori di esso».
Di familiare, qui, c’è il materiale — i mattoncini Lego — ma estranea è la composizione: si tratta di un manufatto alieno? C’è un linguaggio, nascosto in quelle strutture? Sono delle sorta di Stele di Rosetta per idiomi a noi sconosciuti?

Eppure, a ben vedere, in quelle stesse forme riconosciamo degli elementi noti: frammenti di un vocabolario architettonico naturale, innato, che ci portiamo dentro da sempre, ma ricombinati in maniera indecifrabile, inaccessibile alla conoscenza sensibile. Sono messaggi che parlano al nostro inconscio?

Jan van Schaik, “Lady Nelson”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Lady Nelson”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Lady Nelson”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)

«La strana, risonante familiarità delle tavolette oscilla tra la platonica, quasi primordiale riconoscibilità del Lego e la grammatica architettonica delle grotte di Matera, le chiese di Borromini, gli archi di palazzo Ducale a Venezia, i contrafforti delle cattedrali gotiche, e i soffitti blu della Moschea dello Shah di Esfahan» suggerisce l’autore.

Di base a Melbourne, in Australia, Jan van Schaik è un pluripremiato architetto, ricercatore e docente. Con oltre vent’anni di esperienza alle spalle, lavora presso lo studio MvS Architects, fa ricerca e insegna nella Scuola di Architettura e Urban Design dell’Università RMIT ed è tra i fondatori dello studio di consulenza strategica Future Tense. Le sue opere sono state esposte in tutto il mondo — dalla Biennale di Architettura di Venezia alla Biennale di Pechino, dal Toyo Ito Museum of Architecture, in Giappone, alla Bridge Gallery di Londra.
Una figura multiforme, dunque, tanto quanto le facce frontali delle sue monocromatiche sculture, realizzate con mattoncini Lego di seconda mano, ritrovati nei mercatini dell’usato già segnati dal tempo e dall’utilizzo: ingialliti, scoloriti, consumati, graffiati, scheggiati, incrostati da residui di colla.

Jan van Schaik, “Clémentine”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Clémentine”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Clémentine”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)

«L’architettura del lato piatto — spiega van Schaik — è vincolata dalla tensione tra il nuovo profilo della tavoletta e le diverse qualità superficiali dei blocchi ritrovati, ciascuno con i segni della propria storia. Quella del volto dinamico è tenuta insieme dalla tensione tra l’aspettativa di ciò che normalmente prescriverebbe una composizione Lego e il linguaggio di un immaginario inconscio architettonico collettivo».

Tutte delle medesime dimensioni (19 x 24,5 cm), le Lost Tablets sembrano volerci raccontare un mistero. Si portano dietro un’aura enigmatica e perturbante — weird, appunto — rafforzata anche dai titoli che l’architetto ha scelto di dare alle sue opere — Lady Nelson, Demeter, Clémentine, Bernice: si tratta di nomi di navi e barche realmente esistite, ritrovate alla deriva e senza equipaggio.

Le “tavolette perdute” si possono ammirare online. Sono oltre 60, si possono acquistare (con prezzi non da Lego ma da opere d’arte quali sono) e attualmente sono anche in esposizione presso la galleria Sarah Scout Presents di Melbourne.

Jan van Schaik, “Fleetwing”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Fleetwing”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Fleetwing”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Blenheim”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Blenheim”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Blenheim”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Bernice”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Bernice”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Bernice”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Alouete I”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Alouete I”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Alouete I”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Demeter”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Demeter”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Demeter”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Hitomi”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Hitomi”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Hitomi”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Jenny”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Jenny”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Jenny”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Waterwitch”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Waterwitch”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Jan van Schaik, “Waterwitch”, Lego riconfigurate, 2021
(foto: Peter Bennetts | courtesy: Jan van Schaik)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.