Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Pressing Matters presenta il nuovo numero (e lancia un piccolo contest per stampatorз)

Ogni numero di Pressing Matters è un piccolo viaggio attorno al mondo, da un telaio per serigrafia all’altro, da un bulino a una sgorbia, da un rullo per inchiostrare a un tirabozze — in un ideale itinerario che connette tra loro laboratori pieni di strumenti, camici sporchi d’inchiostro, cassetti e scaffali colmi di carte, caratteri mobili, colori.
Il nuovo numero della rivista — fondata dal designer britannico John Coe per esplorare il mondo delle artiste e degli artisti della stampa tradizionale — si muove a partire dal Regno Unito per poi attraversare l’Europa (Belgio, Germania, Spagna, Portogallo), artista dopo artista, studio dopo studio, e infine arrivare fino agli Stati Uniti.

In questa quindicesima uscita c’è anche un bella presenza italiana, con ben tre realtà del nostro paese presenti tra le 100 pagine del magazine: c’è Giulio Vesprini (che abbiamo avuto l’onore di intervistare qualche anno fa), di base a Civitanova Marche; c’è Gos Lab, di Fabio Fontana, che ha sede ad Anzio, in provincia di Roma; e ci sono Roberto Ciardo e Marilisa Bruno di BookbindingRC, a Lecce.

Oltre a quelli già citati, gli altri nomi presenti sono Tess Baxter, Simon Burder, Alexandria Couch, Danielle Creenaune, Fresca Studio, Anna Hermsdorf, Matthias Jaschke, Theresa Künig, Sophie Lewisohn, Luis Paadin, Manolo Prieto, James Randell, Philippa C Thomas, Amy Torgeson, Karen Wicks e Superdruk. Quest’ultimo studio, di base ad Anversa, è anche protagonista di un piccolo inserto di due pagine, con una stampa realizzata su carta G.F Smith 270gsm Colorplan Cool Blue stock.

A proposito dell’inserto, Coe prevede, a partire dal prossimo numero, di allargarlo al pubblico di stampatori e stampatrici che leggono la rivista. È infatti uscita una piccola call, in collaborazione con l’azienda cartaria G.F Smith: si tratta di realizzare un’opera a tema libero, creata a mano, utilizzando solo due colori, rosso e nero — qui c’è spiegato tutto, e c’è tempo fino al 31 maggio.

Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.15, aprile 2021
(courtesy: Pressing Matters)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.