Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Arte, grafica, moda e design oltre il Muro

beyond_the_wall_1

Quando andai per la prima volta a Berlino il Muro era già caduto da sei o sette anni ma si sentiva ancora nell’aria la eco di un passato che gli innumerevoli cantieri di una città all’epoca in vorticosa trasformazione a malapena riuscivano a coprire.

In Italia si iniziò a parlare di ostalgie solo dopo il 2003/04, quando il fenomeno della nostalgia per la vita Repubblica Democratica Tedesca — quella DDR che usciva in sigla nei campionati del mondo e nelle olimpiadi e noi bambini chiedevamo a mamma e papà (beata innocenza) perché ci fossero due Germanie a fronte di una sola Italia, una sola Francia — venne sdoganato da un film come Goodbye, Lenin!, ma già nel mio primo viaggio berlinese le bancarelle piene di residuati dell’era del regime comunista non mancavano.

La DDR, quando esisteva ancora, era un buco nero: quasi impossibile uscirne, chi viveva lì era bloccato nel tempo e nello spazio, che obbedivano a regole diverse rispetto a quelle dell’Europa occidentale, l’Europa “libera”.

Negli anni post-caduta del Muro quel buco nero ormai collassato, come una macchina del tempo inceppata ha continuato a sputar fuori “reperti”, raccolti in un museo che sta dall’altra parte dell’oceano, il Wende Museum di Los Angeles (Wende in tedesco significa cambiamento ed il termine usato per descrivere il rapido processo di “occidentalizazione” della DDR dopo il 1989), e ora un librone recentemente pubblicato dalla Taschen, Beyond the Wall: Art and artifacts from the GDR, li presenta al pubblico in oltre 900 pagine divise in otto capitoli che raccontano — in quello che è probabilmente il più grande catalogo visivo sulla Germania Est — l’arte, l’estetica, la comunicazione, l’artigianato, la moda e la tecnologia ai tempi della DDR.

beyond_the_wall_3

beyond_the_wall_4

beyond_the_wall_5

beyond_the_wall_6

beyond_the_wall_7

beyond_the_wall_8

beyond_the_wall_9

beyond_the_wall_10

beyond_the_wall_11

beyond_the_wall_12

beyond_the_wall_13

beyond_the_wall_14

beyond_the_wall_15

beyond_the_wall_16

beyond_the_wall_17

beyond_the_wall_18

beyond_the_wall_19

beyond_the_wall_20

beyond_the_wall_21

beyond_the_wall_22

beyond_the_wall_23

beyond_the_wall_24

beyond_the_wall_25

beyond_the_wall_26

beyond_the_wall_27

beyond_the_wall_28

beyond_the_wall_29

beyond_the_wall_30

beyond_the_wall_31

beyond_the_wall_32

beyond_the_wall_33

beyond_the_wall_34

beyond_the_wall_35

beyond_the_wall_36

beyond_the_wall_37

beyond_the_wall_38

beyond_the_wall_39

beyond_the_wall_40

beyond_the_wall_41

beyond_the_wall_42

beyond_the_wall_43

beyond_the_wall_44

beyond_the_wall_2

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.