Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

LP33.3 | SS2015

lp333_00

Qualche giorno fa ero in metro e stavo tornando a casa.
C’era una ragazza seduta vicino a me a cui, ad un certo punto, è squillato il telefono. Nulla di strano, ovviamente, se non che noto (anche perché sarebbe stato impossibile non notarla) la cover del suo iPhone.
Ora, non ho nessuna intenzione di aprire una parentesi su quel che Jeremy Scott stia facendo o su quanto, a volte, non si comprenda la linea sottile che esiste tra la genialità e il voler esagerare a tutti i costi, creando collezioni che, personalmente, trovo ridicole ed imbarazzanti.
La cosa che, comunque, mi ha lasciata senza parole, è stata la grandezza della suddetta cover: ENORME.
E quando dico enorme voglio proprio dire enorme.

Mi sono fatta un paio di domande random tra lo stupore e la speranza che qualcuno vedesse quel che avevo visto io (c’era un signore con i baffi, esattamente davanti a me, il cui sguardo mi ha fatta sentire meno sola) tra cui: ma per quale motivo alcune persone decidono di utilizzare una cosa del genere quando il progresso tecnologico ogni sei mesi ci propina smartphone che, per l’appunto, vogliono essere piccoli, leggeri, comodi?
Ma ti piace realmente quella roba lì o l’hai comprata solo perché sul manico dello specchietto delle tue brame c’è scritto il cognome di uno che, immagino, ad ogni fashion week si gira e rigira nella tomba?
Ma ti ci sta in borsa?

Gliel’ho chiesto, una volta terminata la sua telefonata, e lei ha fatto spallucce dicendomi: “se l’ho comprata è perché mi piace”.
Certo, non fa una piega.
In quel preciso momento sono stata distratta da un’email arrivatami sul mio telefono vintage/morente che è stato un po’ un segno del destino. Volevo condividere con lei quel lookbook che mi ha fatto tornare le speranze nel sistema moda, ma visto il gap tra i suoi gusti e i miei ho deciso di lasciare perdere.

lp333_18

Il lookbook era della collezione di LP33.3 (di cui abbiamo parlato qui ) e, sempre non a caso per quel momento, il titolo era Suspiria.
Luke Hosting, fondatore del brand insieme a Paul del Giglio, mi ha spiegato che in questa collezione sono stati utilizzati tessuti che ricordano oggetti dell’infanzia, come il Teddy bear e i vestitini delle bambole.
Per realizzare una silhouette che mi ha descritto come “drammatica”, i due hanno voluto esagerare nelle linee e creare pantaloni palazzo extralarge, giacche oversize e ampie gonne, andando a realizzare una collezione i cui colori variano dal bianco al nero, dal color cenere all’inchiostro, con tocchi di bronzo, che combina pezzi estivi ed invernali che possono essere indossati a seconda del tempo e della necessità, nell’una e nell’altra stagione.

Anche se questa collezione non è ancora in vendita, qui potete comprare i pezzi della scorsa e, mentre aspettate che il nuovo sito sia pronto, potete seguire LP33.3 sia su Instagram che su Facebook.

lp333_01

lp333_02

lp333_03

lp333_04

lp333_05

lp333_06

lp333_07

lp333_08

lp333_09

lp333_10

lp333_11

lp333_12

lp333_13

lp333_14

lp333_15

lp333_16

lp333_17

contributor
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.