Senza voler portare sfiga a chi vuol godersi una giornata all’aperto, suggerisco vivamente a chi vive o chi si dovesse trovare a passare domani da Milano di portarsi un ombrello.
Ché tanto, che piova o no, si può sempre andare al so critical so fashion, la tre giorni di moda critica, etica ed indipendente che si tiene a partire da oggi e fino a domenica presso i Frigoriferi Milanesi, in via G.B. Piranesi.
In mezzo ad esposizioni, incontri e musica ci sarà spazio pure per due workshops “gemelli” che ruotano appunto intorno all’ombrello (che già ruota di per sé, volendo). O meglio attorno all’ombrello rotto (che invece non ruota più così bene), compagno fedele delle giornate bagnate che però tendiamo a cestinare senza troppi indugi una volta che il danno è ormai fatto e la stecca s’affloscia inesorabile o il manico indecorosamente si piega o si spezza.

Come ci insegna Costantino Montanari di U-Way, però, un ombrello è molto più di quel che sembra a prima vista. Ad esempio è un k-way per bambini: basta solo un po’ di pazienza e le istruzioni giuste. Le stesse che Costantino darà ai partecipanti del suo workshop.
Chi non ha bimbi da coprire (e si sa che soprattutto le mamme hanno un vero e proprio feticcio per coprire, troppo, i pargoli) può benissimo darsi da fare in altro modo. Ed eccoci all’altro workshop, tenuto da Valentina Mancini, focalizzato sulla creazione di custodie porta-cellulare o porta-laptop ovviamente utilizzando la tela dell’ombrello.

Tutte le informazioni sui due laboratori le trovi qua.

QUANDO: 22 settembre 2012 | dalle 11,00
DOVE: so critical so fashion | Frigoriferi Milanesi | via G.B. Piranesi 10, Milano | mappa