Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

È uscito il 14º numero di Pressing Matters

L’anno “speciale” — chiamiamolo così — che abbiamo da poco superato, entrando in uno nuovo che finora non appare poi così differente, per alcune persone è stato un’occasione per approfondire l’esplorazione di sé. Il dover necessariamente vivere a distanza gli uni dagli altri e il vedere i propri spazi di movimento notevolmente ristretti, ha in qualche modo favorito l’espansione (o il tentativo di espansione) dei propri confini interiori. Questo ha portato a scoperte e riscoperte — di rapporti con gli altri, di interessi che non si aveva mai avuto il tempo di approfondire, di passioni dimenticate o abbandonate, oppure che fino a quel momento non erano mai entrate nel raggio d’azione del proprio “radar”. Per chi fa arte, tali esplorazioni sono andate a contaminare il progettare e il fare.

«Avendo passato molto più tempo a lavorare da casa, nel 2020, la visuale dalle nostre finestre ha assunto nuovi significati — rendendoci forse un po’ più ricettivi rispetto ai piccoli momenti e ai sottili cambiamenti che fanno girare il mondo» scrive John Coe, presentando il nuovo numero, il quattordicesimo, della rivista di cui è direttore e fondatore.
Si tratta di Pressing Matters, un magazine nato quattro anni fa e diventato la voce della comunità internazionale delle artiste e degli artisti della stampa.

Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)

Pressing Matters n.14 — il terzo uscito nella “era Covid-19” — è un colorato frutto di questo scoprire e riscoprire dentro di sé, e presenta stampatori e stampatrici che hanno prodotto lavori nati — sempre per citare Coe — «da un bisogno di stare connessi alle cose che amano: la loro cultura, il loro amore per la natura, e qualche volta i loro musicisti preferiti, […] provando che la stampa può essere un tonico per l’anima così come una delizia per gli occhi».

Il format rimane quello che ha caratterizzato il progetto editoriale fin dall’inizio: interviste, articoli, piccoli approfondimenti sulle tecniche, il tutto confezionato in 100 pagine.

Ospiti di questo numero sono Catherine Ade, Laura Berman, Meg Buick, Cakolyre, Tommy Fachiri, Ellie Hayward, Megan Hopkin, Sayaka Kawamura, Limerick Printmakers, LSAD, Jim McElvaney, Karl Morgan, Dennis Muraguri, Rod Nelson, Nzinga Project, Simone Philippou, Barnaby Lawrence Smith, Izzy Williamson, Elizabeth Jean Younce e YUK FUN.
Stampato in 4000 copie, Pressing Matters si acquista online.

Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Pressing Matters n.14, gennaio 2021
(foto e courtesy: Pressing Matters)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.