Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.

Save the date | La quinta edizione di Italianism è dedicata alla musica

Branding: Renato Fontana, Studio Mistaker
Concept: Renato Fontana, Francesca Pignataro
CD: Francesca Pignataro, Ambra Crociani
Ph: Carlo Piro
Feat. Studio Mistaker
(courtesy: Renato Fontana / Italianism)

Dopo quattro edizioni a Roma, Italianism si sposta a Napoli, più precisamente a Portici, ancor più precisamente alla meravigliosa Reggia di Portici, per l’ennesima evoluzione di un formula vincente che, nonostante funzioni (o proprio perché funziona), continua a cambiare e ad arricchirsi di nuove sfaccettature (fosse un minerale, il format ideato nel 2015 dal grande esperto di comunicazione e Renato Fontana si starebbe trasformando da una bellissima gemma grezza a un raffinata pietra preziosa).

Nato per mappare e promuovere la creatività italiana, Italianism non è esattamente un festival, più che altro è un contenitore di progetti e iniziative che, culminano con la Creative Conference che quest’anno ruota attorno agli ultimi 50 anni di musica italiana.
Tema, questo, affrontato da molteplici punti di vista, che vanno a costituire il ricco programma di Italianism #5.

Branding: Renato Fontana, Studio Mistaker
Concept: Renato Fontana, Francesca Pignataro
CD: Francesca Pignataro, Ambra Crociani
Ph: Carlo Piro
Feat. Gio Pastori
(courtesy: Renato Fontana / Italianism)

La “scaletta” dell’evento inizia il 10 maggio con una sfida, il Creative Match, durante il quale alcune tra le più importanti scuole italiane di comunicazione e creatività — AANT Roma, IED Milano, IED Roma, IUAD Napoli, Politecnico Milano, Politecnico Torino, Quasar Roma, RUFA Roma, Sapienza Roma, Università Federico II Napoli — si daranno battaglia realizzando una commessa per un vero cliente.

Branding: Renato Fontana, Studio Mistaker
Concept: Renato Fontana, Francesca Pignataro
CD: Francesca Pignataro, Ambra Crociani
Ph: Carlo Piro
Feat. Fabio Persico
(courtesy: Renato Fontana / Italianism)

Il 10 inaugureranno anche tre mostre: Forma e funzione per la musica, che vede come protagoniste quattro università — Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università Federico II di Napoli e Università Sapienza di Roma — alle prese con l’analisi e il racconto del rapporto tra musica e design; Italianisimm, in cui 21 autori di musica napoletana, selezionati da Federico Vacalebre, saranno interpretati visivamente dalle fotografie di LAB\per un laboratorio irregolare di Napoli e dalle illustrazioni degli studenti del MiMaster Illustrazione di Milano.

Branding: Renato Fontana, Studio Mistaker
Concept: Renato Fontana, Francesca Pignataro
CD: Francesca Pignataro, Ambra Crociani
Ph: Carlo Piro
Feat. Alfredo Maddaluno
(courtesy: Renato Fontana / Italianism)

La terza mostra, Dieci Copertine, è la presentazione delle 30 opere vincitrici del contest che abbiamo segnalato anche qui su Frizzifrizzi.

Le tre mostre resteranno allestite fino al 20 maggio.

Branding: Renato Fontana, Studio Mistaker
Concept: Renato Fontana, Francesca Pignataro
CD: Francesca Pignataro, Ambra Crociani
Ph: Carlo Piro
Feat. Paola Arena
(courtesy: Renato Fontana / Italianism)

L’11 maggio, invece, la seconda giornata di Italianism si aprirà con la Masterclass di uno dei più grandi graphic designer a livello mondiale, Jonathan Barnbrook, autore anche di copertine per musicisti come John Foxx, Tuxedomoon e soprattutto David Bowie, col quale Barnbrook ha iniziato a collaborare nel 2002, realizzando anche la cover dell’ultimo capolavoro del duca bianco, Blackstar.

Branding: Renato Fontana, Studio Mistaker
Concept: Renato Fontana, Francesca Pignataro
CD: Francesca Pignataro, Ambra Crociani
Ph: Carlo Piro
Feat. Anna Magni / Disegnini
(courtesy: Renato Fontana / Italianism)

Finalmente, nel pomeriggio dell’11, sarà la volta dell’evento principale, la Creative Conference, dedicata al tema delle parole della musica italiana, che vedrà come protagonisti personaggi del calibro dello scrittore e critico musicale Sandro Cappelletto, il regista Francesco Lettieri, la giornalista, curatrice e “narratrice di design” Cristina Morozzi, il designer Vito Nesta, la street artisti Alice Pasquini, il musicista, dj e produttore Populous e il succitato scrittore e critico musicale Federico Vacalebre.

Ciascuno di loro ha scelto alcune parole, che sono poi state affidate a una serie di realtà — ADCI Campania, IDEA Academy Roma, Lahar Magazine, Pelo Magazine, Pangramma Torino, Print Club Torino, RVM Magazine — che ne ha curato la visualizzazione.

[cbtabs][cbtab title=”INFO”]Italianism Creative Conference

QUANDO: 10 — 11 maggio 2018 (Conferenza) | 10 — 20 maggio 2018 (mostre)
DOVE: Reggia di Portici | Portici (Na)
INFO: faceboook[/cbtab][cbtab title=”MAPPA”][/cbtab][/cbtabs]

Altre storie
Flickr/Week(r) | Il mondo, senza di noi