(fonte: Present & Correct)

Un recueil d’essais: i taccuini più “wesandersoniani” che ci siano

Certo, l’importante non è il dove, sono il cosa e il come. Io ad esempio butto giù la maggior parte degli appunti sul telefono o il tablet — queste prime righe nascono dall’iPhone, sul balcone, fumando una sigaretta mentre quelli del Pronto Intervento Gas scavano il cortile dei vicini per riparare una perdita — e i blocchi note li uso solo per le interviste e le presentazioni.

Ma per chi valuta il supporto (o, per meglio dire, l’estetica del supporto) fondamentale tanto quanto la sostanza, la cartoleria delle meraviglie Present & Correct ha prodotto una piccola collezione di taccuini con copertina in pelle ecologica e ben 256 pagine nelle quali le righe si alternano ai fogli bianchi.

La palette di colori e il titolo, un vezzoso Un recueil d’essais, ammiccano a un certo immaginario nostalgico che sul grande schermo coincide quasi perfettamente con molti dei film del regista americano Wes Anderson. E se non è difficile pensare alcuni dei personaggi dei suoi film — Margot Tenenbaum, Raleigh St. Clair, Jack Whitman, Suzy Bishop — mentre prendono appunti lì sopra, sarebbero azzeccatissimi anche nei luoghi wesandersoniani del mondo reale.

(fonte: Present & Correct)
(fonte: Present & Correct)
(fonte: Present & Correct)
co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.