fbpx
les coquins 8

Les Coquins: la pornografia illustrata (e surreale) di Marion Fayolle

Di metafore sessuali di pessimo gusto, di doppi sensi, di turpi sottintesi, di simbologie falliche più o meno evidenti è pieno il mondo ma con un tocco di surrealismo (compreso un omaggio al “papà” del cinema surrealista, George Méliès, quello del razzo che va a infilzare la luna in occhio, qui riproposto con un pene-missile pronto a colpire un sedere-luna), tanta ironia e un certo giocoso distacco la giovane illustratrice francese Marion Fayolle è riuscita a realizzare un albo che è un piccolo gioiello e la dimostrazione che si può essere eleganti pur restando piuttosto espliciti.

La serie di tavole, intitolata Les Coquins e realizzata nel 2012, è diventata un libro, pubblicato da Éditions Magnani (puoi acquistarne una copia su Amazon).

Io l’ho scoperto solo ora ma sono rimasto incantato da peni che diventano trombette dentro a cui soffiare (da tergo) o pipe a cui attaccarsi per fare una bella fumata, oppure cavalli e tori da domare, candele da spegnere, locomotive pronte ad infilarsi nella buia galleria che sta tra le gambe di lei, lumaconi pronti a mangiare la di lei fresca insalatina, vulve da mordere, vagine come buche da minigolf, seni da gonfiare come palloncini o con cui fare i giocolieri, gelati-tettuti da leccare…

les coquins cover

les coquins 18

les coquins 4

les coquins 11

les coquins 5

les coquins 15

les coquins 16

les coquins 10

les coquins 1

les coquins 8

les coquins 7

les coquins 9

les coquins 3

les coquins 17

les coquins 12

les coquins 14

les coquins 6

les coquins 2

les coquins 13

Altre storie
What Do We Need to Know RSA shorts 1
Cos’è che abbiamo davvero bisogno di sapere? Ce lo spiega un corto d’animazione