7am | Daniele Castellano

7 opere e 7 domande, alle 7 di mattina, ad illustratori che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Daniele Castellano.

Ciao Daniele, di dove sei, quanti anni hai e da quanto fai l’illustratore?
Ciao, sono di Rimini e ho 23 anni. È difficile per me capire quando abbia iniziato. Prima di iscrivermi al biennio in illustrazione all’Isia di Urbino (che sto ancora frequentando) mi sono diplomato in pittura all’Accademia di Brera. A Brera l’illustrazione veniva un po’ snobbata dai docenti, nonostante questo credo sia ciò che ho sempre provato a fare.

Matita o penna grafica?
Molte matite, ogni tanto mi capita anche di recuperare acrilici, olio e acquarello, però i pastelli e la matita rimangono i miei preferiti. Ho seri problemi con la penna grafica, la uso raramente solo per correggere le scansioni.

Cosa fai quando non disegni?
Suono nei Lantern e negli Up There: The Clouds, e vado a qualche concerto. Poi cucino spesso perché ultimamente mangio moltissimo.

Cosa c’è sulla tua scrivania?
Un mucchio di: fogli, ritagli, matite, righelli/squadre, colori, disegni scartati, libri, rotoli di scotch. Spesso tutte queste cose sono appiccicate tra loro da pezzettini di gomma pane.
Non si tratta assolutamente di disordine creativo, in realtà mi piacerebbe di più avere un tavolo ordinato.

Un disegno pesa quanto…
La fiat 500 del ’93 di mia sorella. È la macchina che uso per arrivare fino a Urbino ogni settimana. Non è un’auto molto pesante, però non ha il servosterzo e nelle manovre mi fa un po’ faticare.

Un libro di cui vorresti illustrare la copertina e un film di cui vorresti fare il poster.
Direi La casa delle vacanze di Clive Barker. Lo lessi a 8 anni e mi piacque molto di più di qualsiasi Piccoli Brividi, però credo che sarebbe insoddisfacente fermarsi alla copertina.
Per quanto riguarda il film ne scelgo uno quasi a caso tra i tanti: Il Pianeta Proibito di Wilcox.

Un illustratore o un’illustratrice che mi consiglieresti?
Bruno Zocca, Olga Tranchini, Luca Zamagna. Sono tutti amici simpatici e bravissimi.

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Vuoto: un nuovo progetto editoriale sulla città che cambia