1pm | Andrea Mainardi

Abbiamo intervistato lo chef Andrea Mainardi di OFFICINACUCINA
V. San Zeno, 119
Brescia (BS)

* * *

Ciao Andrea, quanti anni hai, di dove sei e da quanto tempo fai il cuoco?

Mainardone ha 29 anni, bergamasco d’origine, bresciano d’adozione e sono ben 16 anni che frequento ristoranti… insomma già un nonno…ahahahah!

Qual è il tuo primo ricordo alimentare o il ricordo del primo sapore?

In particolare della prima tecnica di alta cucina utilizzata a casa dei miei, ricordo di aver incendiato il filtro della cappa durante un’agguerrita flambatura o aver fuso il motore del frigorifero perché volevo far raffreddare in fretta le cose calde..
Il primo sapore? Più che sapore ricordo la scoperta della differenza di consistenza tra i cereali croccanti e la cremosità dello yogurt, rimanendo basito ma entusiasta.

andrea_mainardi_03

Cosa fai quando non cucini?

Mi dedico a mia figlia, adoro farla impazzire, farle scoprire ogni giorno cose nuove e ovviamente cerco di insegnarle a cucinare anche se è già più avanti del suo papino.
Ti dico solo che alla domanda: come ti chiami? Ti risponde con fare deciso e da prima donna: Michelle Mainardi Officina Cucina (il nome del mio ristorante)… Ahahaha.
E poi… l’idea di conquistare la mente delle donne partendo dal palato, però di questo parleremo più avanti.

Dove lavori? Descrivi la tua cucina con 3 aggettivi.

Il mio Ristorante Officina Cucina, un solo tavolo a Brescia.
Estroversa, succulenta e pirotecnica.

Tre ingredienti per te fondamentali per una buona ricetta.

Aceto, sale e zucchero, ognuno essenziale a proprio modo, ma che devono sempre collaborare tra loro.

andrea_mainardi_02

Qual è l’immagine che vuoi evocare con i sapori della tua cucina?

Far chiudere gli occhi a chi siede al tavolo, far ricordare i sapori primitivi, insomma far fare un’esperienza non solo una cena o un pranzo.

Un cuoco che mi consigli di tenere d’occhio?

Daniel Facen non posso più dirtelo [n.d.r. è stato proprio Daniel Facen a “raccomandarci” Andrea durante la sua intervista] quindi direi Andrea Bertarini, un amico, una grande persona, un grande professionista.

andrea_mainardi_05

andrea_mainardi_06

andrea_mainardi_07

andrea_mainardi_04

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tra comunità educanti e libri che fanno promesse illegittime: intervista a Francesca Romana Grasso, autrice di “Primi libri per leggere il mondo”