Shops | Takk Store @ Carpi

Federica Ascari è partita da Carpi – cittadina, come dice lei, dal forte accento emiliano e dalle ragazze con i fianchi larghi – per andare a studiare al Politecnico di Milano, dove si laurea per poi iniziare a lavorare come visual designer prima per Dolce & Gabbana poi per Cavalli ed infine per Max Mara. Ma nella sua testa l’idea fissa è di aprire un negozio. E allora rinuncia alla sicurezza di un buono stipendio e si butta a capofitto nell’avventura

Tanto che nel gennaio scorso, quando ancora c’era ancora una location da trovare, brands da scegliere e contattare, mi ha scritto una mail chiedendo consigli. Mail che poi è finita – come a volte purtroppo capita, visto il flusso ininterrotto di letterine digitali che ricevo – nel buco nero del mio hard-disk e che ora, con un senso di colpa immenso, ritrovo.

Inutile dire che Federica, nonostante me, ce l’ha fatta. Eccome.
Il suo Takk Store di Carpi è uno dei negozi più interessanti dove possiate mettere piede.
Il nome arriva dall’omonimo album dei Sigur Ròs e takk in islandese significa grazie, per ringraziare tutti quelli che hanno aiutato Federica ad arrivare fin qui (uff, il senso di colpa aumenta…).

All’interno, tra gli arredi di recupero ed opere di street art di Luca Zamoc, trovate una scelta di brands come Eleven Paris, Pa:nuu, Supreme Being, Humor, Lazy Oaf, CTRL, Kling, Rutme, Noodle Park, Sixpack, Fehnchurch, RVCA, Button Noise, Boro, Monoty, On and On, Spekre Sunglassess e tanti altri – e se visitate sempre Frizzifrizzi dovreste conoscerli bene! – Takk Store è lì per dimostrare che le grandi città non sono una scelta obbligata quando vuoi aprire un negozio di questo tipo.

Se vi capita di passare in zona non perdete l’occasione di andarvi a fare un giro da Takk Store ma, fossi in voi, una bella visita a Carpi comincerei ad organizzarla.
Tutte le news e le nuove collezioni in arrivo le trovate sulla pagina facebook.

Takk Store
c.so Roma 11, Carpi
(mappa)

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Laju Slow Apparel: un nuovo marchio che è un inno alla lentezza