La guerra delle eco bags

La guerra delle eco bags

Vi ricordate quando l’anno scorso impazzava la mania per la borse in cotone di Anya Hindmarch? Sì, proprio quella di “I’m not a plastic bag”. Ha avuto talmente tanto successo che la versione contraffatta è arrivata a costare anche il doppio – se non di più – di quella originale ().

Per le amanti delle eco bags, ecco far capolino un’altro modello creato da Dogeared, shop online californiano.
Your plastic bag can kiss my canvas, è il suo irriverente nome. Sicuramente meno pretenziosa di quella di Anya, si presta ad un uso più pratico e meno fashion, anche se il prezzo è leggermente più alto.

Per chi è immerso nello spirito ecologista, esistono anche le versioni: “What would Al Gore do?”, “White non trash bag” e “Karma, what goes around, comes around”, dedicata al riciclo.

contributor

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi