È spuntato fuori dal nulla appena due settimane fa e su Instagram ha già raggiunto oltre 10.000 follower pubblicando semplicemente degli screenshot presi da Google Maps che però hanno la particolarità di immortalare la “topografia triste” (l’account si chiama appunto @sadtopographies), andando a pescare sulle mappe di tutto il mondo luoghi “ameni” come la strada della tristezza, quella della morte, il lago assassino, le isole del cordoglio o quella—più aggressiva—del massacro.
E ancora: il ponte del suicidio, il capo del disappunto (ma c’è pure un’isola con lo stesso nome), la pozza della malinconia, lo stagno della depressione e quello della tragedia, il passo senza speranza…

L’idea è del fotografo australiano (ma attualmente di base ad Amsterdam) Damien Rudd, che si è divertito anche con qualche corto-circuito linguistico, come nel caso di Alone, postato giusto ieri, che in inglese significa “da solo”, “solitario” ma che in realtà è una frazione del comune di Casto, in provincia di Brescia.

Z-4

2Q==-7

2Q==-3

Z-2

Z-3

Z-5

Z-6

Z

Z-7

2Q==-2

2Q==

9k=

Z-1

2Q==-6

2Q==-4

2Q==-5

2Q==-1

[via]