Issues | The Collective Quarterly

issueØ_1

Visitare una città diversa per ciascun numero, e raccontarne le eccellenze, i personaggi e le loro storie, entrare nei laboratori degli artigiani e negli studi degli artisti.
E fin qui niente di nuovo: l’hanno già fatto e lo stanno ancora facendo, con qualche piccola variazione sul tema, riviste come Local, Boat, Flaneur e Pinholet.

Il vero valore aggiunto di The Collective Quarterly, però, è il fatto di coinvolgere a sua volta un selezionato gruppo di artigiani e artisti per un viaggio, appunto—come da titolo—collettivo. Un viaggio che se da una parte è l’occasione per raccontare i propri simili, dall’altra diventa parte del processo creativo di ciascuno di loro, che entra tra le pagine del magazine in modo sottile ma dirompente, attraverso la scelta di cosa raccontare, cosa fotografare, dove dirigere le antenne pronte a captare qualche input.

Il primo numero della rivista, uscito il mese scorso, è dedicato a Marfa, minuscola cittadina texana ad altissima densità creativa (il perché lo spiego in un altro post magazzinaro) e si acquista online.

issueØ_4

issueØ_5

issueØ_6

issueØ_9

issueØ_12

issueØ_13

issueØ_15

issueØ_17

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.