In the mood for Baratto

Sono sempre stato affascinato dall’idea e dal concetto del baratto. Fin da bambino, per quel che posso ricordare, questa operazione di scambio bilaterale o multilaterale di beni o servizi fra due o più soggetti economici (individui, imprese, enti, governi, ecc.) senza uso di moneta (come la definisce wikipedia), mi ha sempre intrigato.
La semplicità dell’operazione probabilmente spiega il tutto: io do una cosa a te e tu una me. Il valore deve essere più o meno uguale, ma la scala di “valori” è dettata semplicemente dal bisogno, per cui una figurina Panini del falegname Torricelli poteva valere molto di più del prorompente centravanti George Weah, se è proprio quella del falegname che ti mancava. Ok, l’esempio funziona molto di più se a metà dei ’90 eri adolescente.
Di qualunque natura sia, comunque, il baratto ha il suo fascino e in tempi di crisi (sì, l’ho detta pure io sta frase: in tempi di crisi) questo “scambio bilaterale” prende sempre più piede.

Tre casi da citare, uno internazionale e ultra famoso: Couch Surfing. Hai bisogno di un divano ti ospito io, poi quando qualcuno ne avrà bisogno tu ospiterai quel qualcuno che potrei anche essere io. E’ un baratto sulla fiducia e non proprio in senso “classico”, ma ha preso piede nel mondo e sei sei uno che viaggia e non ha tanti soldi lo conosci già.

Un’altro esempio è tutto italiano e si chiama La Settimana del Baratto, che normalmente si svolge a novembre. Organizzata dal portale bed-and-breakfast.it, offre la possibilità di soggiornarne in b&b in cambio di qualche servizio. Nello specifico, come si legge sul sito “i bed and breakfast affiliati al portale che aderiranno all’iniziativa baratteranno il soggiorno in cambio di beni o servizi svincolando gli ospiti dal valore del denaro per condividere qualcosa di molto diverso e privilegiando l’aspetto umano dell’ospitalità.”

Infine un evento, di baratto puro, in calendario per sabato prossimo 31 marzo a Roma alle 11.00.
Si chiama AirShare: il mercato del baratto firmato Airbnb!, organizzato proprio da AirBnb permette di liberarsi un po’ dell’armadio e di prendere altro che ti serve. Chiaramente devi portare qualcosa, per riceverne altra. Location è la Città dell’Altra Economia, in Largo Dino Frisullo a Roma.
La cosa figa è che se non hai la macchina per portare le tue cose, quelli di AirBnb passeranno a prenderle per te. La giornata, come è giusto che sia, sarà condita di musica live, buon cibo e tante chiacchere.

contributor
  1. Interessanti l'evento e il tema, l'unico distinguo secondo me è tra baratto e dono, Couchsurfing segue la logica dell'economia del dono ovvero scambio differito in maniera aperta e circolare. Ci sono tante iniziative interessanti che stanno venendo fuori, e studi, e libri, è sicuramente un tema da tenere d'occhio.
    Bellissimo il blog e le vostre segnalazioni, vi seguo sempre con piacere!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Save the date | Fil rouge. Contro la violenza di genere