Tested | Less is More, organic haircare

Nonostante proprio di recente un amico di vecchia data mi ha ripetutamente preso in giro per la zazzera “ancora folta, disordinata  e ribelle, da adolescente”,  io sono molto orgogliosa dei miei capelli: ricci come quelli di un’africana, ma morbidi come quelli di un bambino.

Li ho sempre protetti con cura dal sole, dal caldo asciutto del phon, dallo smog e da qualsiasi altra cosa potesse deteriorarli. Tagliati una volta al mese, colorati di rado, ho sempre usato prodotti di ottima qualità, gli stessi da anni e non li ho mai sottoposti a prove stressanti ed inutili.

Al Cosmoprof sono stata incuriosita da un giovane marchio austriaco di prodotti per capelli: Less is More e mi sono fatta dare dei campioni. Poi la mancanza di tempo, il trasloco e i vari viaggi mi hanno distratto e solo di recente dopo aver ritrovato il sacchetto che li conteneva ho deciso di annusare e provare.

I prodotti Less is More nascono dall’esperienza dell’hairstylist Hannes Trummer. Nel 2005 Hannes ha aperto un salone nel centro di Vienna partendo dalla convinzione che i clienti e i loro bisogni sono la base di partenza e che il motto Less is More doveva essere la linea guida per il suo lavoro. Per il suo salone ha scelto un’atmosfera calma e rilassata, pochi fronzoli, arredamento essenziale, l’immagine delle clienti riflesse nello specchio come unica decorazione.

La svolta arriva dopo l’incontro con Doris Brandhuber, di professione chimica, con un occhio attento all’impatto inquinante dei normali prodotti cosmetici. Nascono così i prodotti Less is More, formulati con prodotti organici certificati, non testati sugli animale e attenti all’impatto inquinante anche nel packaging.

Ci sono molti prodotti, ma io ho provato con molta curiosità:

Shampoo Evening Primrose Cajeput
E’ uno shampoo gentile per lavaggi frequenti, adatto anche a neonati e bimbi. I principi attivi delle piante utilizzate puliscono i capelli senza però disidratarli. Per ben due volte ho fatto a meno del balsamo dopo il lavaggio, quasi un record personale!
L’olio di primula notturna e di noce di cocco da infatti ai capelli una texture morbidissima che nutre anche alla radice. L’estratto di melissa poi ha effetto lenitivo e calmante. L’olio di Cajeput (ovvero la Cajeput Melaleuca Leucadendron) rinforza e rivitalizza la chioma.

Glossing-Conditioner Melissa Orange
E’ un balsamo ricco da risciacquare, che potete usare anche come maschera tenendolo in posa per qualche minuto in più. Il mio consiglio personale in proposito per potenziare l’effetto di questo come di ogni altro balsamo è di metterlo sulle lunghezze e poi farlo riposare per 15 minuti coprendo i capelli con una cuffia da doccia in plastica. Qualsiasi prodotto stiate usando verrà assorbito più in profondità, ve lo garantisco!
E’ maschera leggera per capelli normali, regala lucentezza, vitalità e morbidezza, anche qui l’ olio di primula notturna e di noce di cocco danno ai capelli una texture morbidissima e nutrono fino alla radice. L’estratto di melissa calma le radici e regala volume, io non ne ho particolare bisogno ma l’effetto non è per niente male! Il profumo fruttato e gli aromi essenziali di arance dolci di Sicilia hanno un piacevole effetto rilassante.

Proteinspray
Premetto che io adoro questo tipo di prodotti, quelli cioè da usare a capello bagnato,  ma spesso ungono, appesantiscono e cambiano la forma dei miei ricci, perciò normalmente li evito.
Questo invece è uno spray leggero e profumato da usare, come ho già detto, dopo lo shampoo sui capelli bagnati.
Le proteine della seta conferiscono lucentezza e volume, gli estratti di equiseto rafforzano la struttura del capello. L’aloe vera regala idratazione, i fiori d’arancia e l’acqua di rosa danno freschezza e leniscono il cuoi capelluto. Io l’ho apprezzato molto, oltre che per l’odore veramente piacevole e rilassante, anche perché non ha “rovinato” la forma dei miei ricci!

In conclusione vi consiglio di provarli, li trovate in vendita on line!

co-fondatrice e caporedattrice

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900