Niente BOF per domani…

BOF

Qualche giorno fa mi è capitato di leggere di un un inventore e futurista – tale Raymond Kurzweil – che ha ipotizzato che il cervello umano ha una capacità di memoria di 1 Terabyte: più una provocazione, credo, che uno studio scientifico vero e proprio.
A quel punto, però, ho iniziato a fantasticare sul mio cervello, mettendolo in parallelo con l’hard-disk, proprio da 1 Terabyte, che sta qui accanto al mio computer e che ho riempito di cartelle, files, documenti, foto, video, musica, progetti, idee.

Sia nell’hard-disk che nella mia mente c’è una cartella con scritto sotto BOF.
Una cartella che da quando abbiamo deciso di partire con questo progetto è andata via via riempiendosi di roba: grafiche, presentazioni in PDF, scambi di mail, foto delle serate. Ma che fin da subito, almeno per quanto riguarda quella cerebrale, ha anche visto un accumularsi di dubbi e incazzature, che magari avremmo potuto evitare fin dall’inizio ascoltando la vocina (che urlava dalla cartella con su scritto istinto) che ci avvertiva che collaborando con altre realtà – soprattutto cooperative culturali con i piedi ben affondati nella politica locale, e dunque contrarie a molte delle nostre idee riguardo il far cultura – non avremmo potuto mantenere il controllo della situazione: condizione non ideale soprattutto se si partiva con l’idea con noi non ci avremmo guadagnato niente in termini economici, quasi niente in termini di visibilità, ma al contrario avremmo speso molte ore a lavorare su un progetto la cui riuscita dipendeva (forse) troppo dalle capacità altrui.

La vocina aveva ragione, ma con un treno ormai in corsa ascoltarla sarebbe stato inutile e soprattutto frustrante, quindi abbiamo deciso di sbatterla fuori per un po’.
Da una parte abbiamo fatto bene: grazie al BOF abbiamo conosciuto di persona tantissimi creativi che fino ad ora conoscevamo solo via mail. Abbiamo visto che la voglia di fare non manca, che l’originalità e la competenza sono il punto di forza del giovane made in Italy e, tirando le somme, pensiamo che tutti i brand che hanno effettivamente partecipato a queste serate meritassero molto di più. Sia da parte di un pubblico perlopiù disattento, sia da parte un’organizzazione spesso schizofrenica – niente più cooperative culturali, ricorda la vocina. Organizzazione della quale facevamo parte anche noi di Frizzifrizzi, che abbiamo lottato quanto più possibile per superare gli ostacoli che ci si sono parati contro fin da subito, ostacoli che le altre realtà con cui collaboravamo sapevano benissimo ci sarebbero stati.

Ora è arrivato il momento, per questa strana esperienza, di giungere al termine. Con una serata d’anticipo, però, perché qualcuno – l’unico che puntava ad un ritorno economico – che da una parte ti chiama e ti dice sono state belle serate!, dall’altra avverte alcuni dei brands che avrebbero dovuto partecipare al BOF di domani che forse non vale la pena venire.
E quindi eccoci qui. A scrivere un articolo di cui abbiamo in testa (e nella cartella BOF) sia io che Francesca almeno altre due versioni: quella più soft e quella più incazzata.
Per quanto mi riguarda – oltre a dire che comunque bisogna imparare dai propri errori ed ascoltare le vocine – ho già cancellato la cartella BOF che ho nell’hard-disk. Per quella che ho in testa, forse, ci vorrà un po’ di più…

co-fondatore e direttore
  1. L’idiozia di pochi rovina la festa a tutti.
    Sta di fatto che il BOF era, anzi, è una gran bella cosa, non fosse altro per l’atmosfera magica che si creava…
    ne so qlcs anche io…..
    E poi, come hai detto tu, conoscere di persona gente di cui di solito scriviamo e batsa guardando solo i lavori, non ha prezzo… C’è tutto un mondo dietro a due occhi, a una stretta di mano, a un brindisi, a una sana risata..
    Grazie a Frizzi e a chi ha voluto condividere con noi questa iniziativa..
    A chi ha rovinato la festa, consiglio un viaggio in Australia, terra degli struzzi…

  2. e come non dire la mia?!!?
    Cara Francesca e caro Simone, purtroppo nella vita non sempre tutto fila liscio come vorremmo, persino i migliori matrimoni talvolta finisco in un divorzio, ma nel caso del BOF resta il fatto che avete fatto una grande cosa, resta il fatto che le vostre idee sono sempre vincenti, resta il fatto che bisogna sempre seguire il proprio istinto, resta il fatto che avete il dono di captare le necessità che vibrano nell’aria!
    Siate orgogliosi del vostro operato!
    Noi di Estel Fashion siamo state felicissimi di conoscervi, di partecipare e di aver trascorso una favolosa serata insieme a voi e siamo pronte ad affiancarvi con lo stesso spirito in altre vostre idee!
    un sorriso
    stefania di ESTEL FASHION

  3. ciao francesca
    ciao simone,
    mi dispiace molto per questa prematura conclusione della stagione BOF.
    più passano glia anni e più mi accorgo che “chi fa da sa ,fa per tre” è un motto sempre valido.
    pensare che realtà estranee alla cultura-creativita-handmade siano sensibili a proposte diverse dalle solite in circolazione è deleterio.
    credo invece,, che piano piano la gente si sensibilizzerà, aprirà gli occhi in faccia a tanta confusione, scoraggiamento e cattivo gusto.
    non può sempre andar così
    non sempre prevarrà questa schifosa omologazione celebrale
    ho un po divagato, ma per me ( e per luca) quella del BOF è stata una piacevole serata, ricca di incontri, energia,cratività, amicizia, complicità, birra…..
    insomma assolutamente positiva
    vi faccio gli auguri per il prossimo evento…
    grazie per l’opportunità che mi avete dato….spero di sentirvi presto
    dagni
    http://www.midamida.com

  4. ..VERGOGNOSO…MI SON FATTA UN SACCO DI KM PER ANDARE A VEDERE STA BOF BOLOGNESE…E NON C’ERA NIENTE!!!!
    MA DICO….AVVISARE GIORNI PRIMA!!!!????????
    NON SI FA!!!!!!!!!!!!!!!
    MA COME SIETE ORGANIZZATI!!!!

    CMQ…LA BORSA DEL VOLANTINO??…LA VOGLIO!!!!

  5. Ciao
    anche io come Manuela mi sono fatto tantissimi km per venire a vedere sta BOF…
    e oserei dire quanto mi è costata …. 150€ di multa e 5 punti d patente più le spese di viaggio- Ma questo è il meno quando Manu ha visto che dentro villa Serena non c’era sta BOF mi ha ABBOFF… in quanto io dovevo vedere il sito prima della partenza, ma preso dalla furia che FURIO (noto personaggio del film BIANCO ROSSO E VERDONE qui interpretato da Manu) mi sono completamente dimenticato
    Quindi se esiste le potete mandare la Borsa da lei definita Fashion che c’era sul volantino???
    Fatelo per la povera Magda che sarei io
    AIUTATEMIIII!!!!
    Anticipatamente grazie per la cortesia
    e se ci sarà una prossima volta informate l’ufficio informazione di Bologna per il turista che non sapeva nulla di voi.
    ciao

  6. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAARGHHHHHHHHHHHHHH
    MI AVETE ELIMINATAAAAAA
    MA SAPETE CHE LE CRITICHE SONO COSTRUTTIVE?????
    GRAZIE EH!

  7. Nessuno ti ha eliminato, alcuni sanno quanto personalmente odio questa parola…dacci il tempo di approvare il commento, però.
    per quanto riguarda il BoF, ci dispiace ma come già spiegato da Simone non è colpa nostra!
    Per la borsa del volantino, è appunto disegnata sul volantino…no ne è mai esistita una fisica-reale, mi spiace, nemo dat quod non abet ;)

  8. habet con la H, chiedo scusa ma nella foga non ho riletto!
    Per me il BoF è un tasto dolente, fino ad ora non avevo neanche commentato perché non credo di essere ancora in grado di fornire la mia versione dei fatti usando tono adeguato a frizzifrizzi.

  9. ..beh grazie per avermi risposto…MANNAGGIA PER LA BORSA FASHION…sarebbe stat un’idea carina cmq…Beh mi dispiace per Dani che mi ha sopportata per tutti i kilometri fatti..ihihih
    ciaooooo

  10. mi sento offeso!!!
    per me neanche un commento
    la prossima volta col …. che vengo a sto BOF…
    i punti ve li devomo mettere a voi!!!
    Cordiali saluti
    Daniele
    P.S. la prossima volta se volete cortesia rispondete anche a me
    X(

  11. La risposta valeva per due visto che il viaggio l’avete fatto assieme. Comunque se proprio ci tieni, anche se non capisco il perchè, ad una risposta personalizzata, eccola qua: grazie da parte di tutti noi per aver sopportato Manuela per tutto il viaggio ;-)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Save the date | Fil rouge. Contro la violenza di genere