Scimmie d’amore

Scimmie d’amore

Tornano gli Amari, quella che per me è la miglior band italiana da quando, nel 2005, hanno regalato al mondo Grand Master Mogol e soprattutto da quando, sempre nel 2005, ho conosciuto Dariella ed ho scoperto che anche una popstar farraginosa ha problemi a trovare parcheggio, e che se abita sopra una pescheria la puzza di pesce se la becca come tutti gli altri.

Dove li trovate dei musicisti come loro che, nonostante tutte le lodi ricevute, continuano a non tirarsela, che se li metti su un palco con le t-shirt colorate rosso-verde-viola-eccetera-eccetera non sembrano concorrenti di Amici, che se usano i neon durante i concerti non ti verrebbe mai di accusarli di esser saliti sulla nave nu rave né su quella malinconico-canadese timonata dagli Arcade Fire… Qualsiasi cosa facciano, Amari rimangono.

Non vedo l’ora di vederli indossare queste t-shirts e partire per il tour con il loro nuovo album: Scimmie d’Amore.
Scimmie d’amore è già nei negozi ma se proprio volete farvi un regalo vi consiglio lo special pack. Con 30€ vi portate a casa il nuovo album, il vecchio, una t-shirt con pettorale e addominale scimmiesco con cuore e lacrimuccia e il poster gigante del tour.

Altre storie
Uhuru Republic: un progetto tra Italia e Tanzania, grazie alla musica e al disegno — intervista a Nicola Alessandrini e Lisa Gelli