Tesori d’archivio: un sito dedicato alla storia del design polacco

Negli ultimi tempi è capitato di parlare abbastanza spesso della Polonia, da queste parti: dai poster all’illustrazione per l’infanzia. Complici i 100 anni d’indipendenza del paese che ha dato i natali a Wisława Szymborska, Stanisław Lem, Olga Tokarczuk, Fryderyk Chopin, Maria Salomea Skłodowska (meglio nota come Marie Curie), Andrzej Wajda, Roman Polański, Jerzy Skolimowski, Zygmunt Bauman, Ryszard Kapuściński, celebrati nel 2018 con tantissime iniziative, si sono moltiplicati i progetti di approfondimento sulla storia e la cultura di un territorio e un popolo che nel corso dell’ultimo secolo hanno vissuto tutte le principali guerre, divisioni, occupazioni e persecuzioni che hanno sconvolto l’Europa.

Tali iniziative hanno permesso di far luce anche su aspetti meno conosciuti, come ad esempio il design. Al di fuori degli addetti ai lavori, capita di rado di imbattersi nell’etichetta di design polacco, eppure c’è molto da scoprire, come dimostra il sito Polish Design History, messo online da poche settimane dall’Istituto Adam Mickiewicz, che promuove la cultura polacca nel mondo e che avevo già avuto occasione di citare in occasione dell’uscita del libro Captains of illustration. 100 years of children’s books from Poland.

Curatissimo dal punto di vista grafico, il progetto è già stato insignito di un premio per l’eccellenza del webdesign e racconta in modo innovativo la storia del design polacco attraverso molto materiale visivo, testi critici e un un’enorme quantità di informazioni.

Diviso in otto capitoli, Polish Design History parte da fine ‘800 — cioè da quando la Polonia era ancora una terra divisa tra Russia, Prussia e Austria — e arriva fino ai oggi, passando in rassegna le varie epoche, le scuole, i movimenti, i progettisti, i prodotti, le storie e i loro intrecci con la Storia, toccando discipline e ambiti differenti: dall’architettura agli arredi, dalle ceramiche al vetro, dall’artigianato all’industria, dalla tradizione all’avanguardia.

Altre storie
E se tornassimo alle Lire? Due studentesse hanno provato a immaginare le nuove banconote sovraniste