Bisticci | Volatile

Forse un paio di settimane fa, ascoltando la puntata di un podcast da cui sono morbosamente dipendente, ho scoperto la storia di Robert Stroud, ornitologo statunitense nato a fine del ‘800 e morto negli anni 60.

La storia incredibile di questo scienziato, figura eroica nel mondo dell’etologia e in generale della veterinaria, è segnata da una piccola serie di sanguinosi omicidi che lo portarono in carcere all’età di 19 e ve lo lasciarono fino alla morte. Un criminale dunque, e dei più feroci verrebbe da dire, se si considera che ha passato decine di anni di isolamento e qualche anno anche presso la simpaticissima prigione di Alcatraz.

Proprio quest’uomo, in isolamento forzato, riuscì a coltivare una passione tutta sua: canarini in gabbia, libri e teorie nella testa, arrivò a trovare una cura per la setticemia aviaria, malattia allora incurabile che era causa di perdite indicibili in ogni allevamento di polli del mondo. Una passione nata dalla voglia di non veder morire i suoi canarini, e diventata una competenza scientifica vera e propria, se pensiamo che i libri pubblicati da Stroud sono ancora reperibili e acquistati dai veterinari e allevatori di tutto il mondo.

Un’altra cosa mi ha appassionato della storia di Stroud, lui è finito in carcere perché ha assassinato un ex-fidanzato della sua compagna, il quale l’aveva molestata una mattina in cui Robert era al lavoro. E poi non ne è mai uscito per aver accoltellato una guardia carceraria che l’aveva vessato fino a impedirgli di vedere il fratello che aveva affrontato un viaggio di miglia e miglia, giorni e giorni, per poter stare poche ore con lui.

Delitti d’onore, diremmo. Qualcuno oggi giustifica, e fa finta di no, pazzi furiosi che sparano da destra a manca, e io sto leggendo un libro ambientato nella Palermo del 1700 in cui le Guardie del Re di Savoia sono pronte a morire uccise da un condannato a morte se questo avviene in un duello.

Allora mi pare giusto farvi notare che non tutto è fisso e dato per sempre. Anche le leggi, la percezione di noi, come esseri umani o come società, effettivamente cambiano in fretta. Passano come le stagioni e migrano come gli uccelli. Sono volatili, appunto.

POST SCRIPTUM

Un in bocca al lupo a Simone, amico cui è andato questo Bisticcio, che sono sicuro ornerà la sua nuova dimora e gli porterà grande gioia e grandi pensieri. Soprattutto a primavera!