Bisticci | Contratto

Avevo appena scritto assunzione, quando Simone mi chiama e mi dice che Frizzifrizzi è stato scelto tra i dieci nomi importanti di Italianism, e io tra i dieci nomi importanti di Frizzifrizzi per fare qualcosa per Italianism.

Quale onore, quale felicità.

Insomma, è nato così questo bisticcio che credo sia l’unico a partire da una parola assegnata da altri e non scelta dal sottoscritto. Epperò è stato bello lavorare su contratto.

Già, perché io lavoro quasi per caso nel mondo della creatività, e godo quindi di un punto di vista privilegiato rispetto a chi, come me, voleva tanto smettere di fare ogni giorno qualcosa di ordinario e ripetitivo, e a chi, creativo da sempre, vive nell’ansia di quel transfert psicologico per cui tu diventi la voce del tuo cliente, gli occhi dei tuoi lettori. In generale il c**o (si può scrivere culo su Frizzifrizzi?) di quelli più furbi di te.

Tu pensa se un giorno scioperassero i creativi e il mondo lo potessimo capire solo con gli scienziati. Niente paragoni o metafore, solo sistemi di equazioni. Niente acquerelli o sculture, solo grafici e tabelle. Niente concerti dal vivo, solo l’enciclopedia o wikipedia.

illustrazione di Uta Glauber per “Il Gioco delle Cose” di Marcello Argilli, Bompiani, 1971

Sarebbe un po’ come quando scioperarono le vocali nel racconto di Marcello Argilli; dopo quello sciopero, che costò agli italiani giorni di una lingua incomprensibile fatta di sole consonanti, le vocali ottennero cose importanti. Da quello sciopero infatti deriva l’apostrofo sugli articoli la, lo, le o l’elisione della i e della u in alcuni dittonghi prima presenti nelle parole leggiere o figliuolo.

Chissà cosa otterrebbero i creativi lasciandoci, a tempo indeterminato, senza la loro interpretazione del mondo. Spesso contratti su voi stessi, e spesso con contratti strani, non saprei dirvi se sia meglio rilassarsi o licenziarsi, ma di sicuro so dirvi che voi creativi ci date ogni giorno un mondo che capiamo di più. Siete la nostra serenità, siete impagabili.

E l’aggettivo impagabili, purtroppo, non è lì a caso.

Altre storie
Diverbi Di Verbi: il primo libro dei Bisticci di Federico Demartini, stampato in letterpress