Ring | un anello per controllare tutto

Ring_Main_Image

«Un Anello per domarli, un Anello per trovarli, Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli», scriveva Tolkien.
Togliendo le derive oscure il magico anello oggi esiste per davvero, si chiama semplicemente Ring (le idee meravigliose dopotutto funzionano meglio se anche il nome è semplice o, come in questo caso, direttamente un archetipo), ed è un dispositivo bluetooth sviluppato dall’azienda giapponese Logbar.

La particolarità di Ring è di riconoscere i gesti e di tradurli in azioni semplicemente interfacciandosi con uno smartphone e, attraverso di esso, a tutta una serie di applicazioni e a quegli oggetti, cosiddetti smart, che rientrano nell’ormai stracitato internet delle cose.
Faccio un esempio. Colleghi Ring a una lampada wi-fi e semplicemente “disegnando” nell’aria, con un dito, la forma di una lampada, puoi riuscire a controllarla. Ma anche cambiare canale, spegnere la tv, scattare una foto, accendere lo stereo…

O ancora: sei al ristorante e invece di tirare fuori la carta di credito per pagare il conto puoi farlo con un normalissimo gesto pre-impostato: oltre a una poderosa libreria gestuale già compresa nel software, infatti, (tra cui tutte le lettere dell’alfabeto per scrivere messaggi per aria e postarli su Facebook o Twitter) è possibile creare i propri gesti ad hoc e associarli ad azioni, oggetti, applicazioni (potenzialmente inaugurando, se ne immaginiamo l’uso militare o per la pubblica sicurezza, un futuro in cui davvero basterebbe l’Unico Anello per ghermire e nel buio incatenare).

Grazie a dei led e a un dispositivo che permette di far vibrare l’anello, Ring è anche un centro notifiche: finisce la lavatrice? Ti arriva la vibrazione. Hai un appuntamento tra pochi minuti? Te lo segnalano le lucine.

Ring è attualmente in fase di produzione e su Kickstarter, dove puoi pre-acquistarlo per 145$, ha già raccolto quasi mezzo milione di dollari (il doppio del budget preventivato).

le caratteristiche di Ring
le caratteristiche di Ring
l'interfaccia per la creazione di nuove gestures
l’interfaccia per la creazione di nuove gestures
il Ring Store per scaricare nuove app
il Ring Store per scaricare nuove app
Ring riconosce solo i gesti fatti col dito su cui lo si indossa
Ring riconosce solo i gesti fatti col dito su cui lo si indossa

Altre storie
Timescape: un diverso modo di considerare il tempo nel progetto universitario di Chiara Facchini