Club to Club | Lingotto

Sì, va bene, c’è voluto del tempo, ma è valsa la pena. Così almeno vi facciamo vedere anche il video report che hanno realizzato di ragazzi di Club to Club.

Dove eravamo rimasti? Dunque, dopo una botta di vita con Lone e Untold, una farinata di ceci da leccarsi i baffi e una pizza al tegamino, sono pronta per riprendere la strada maestra. Metro e via, arriviamo al Lingotto: un centro commerciale a destra e davanti a me un edificio gigantesco.

Entriamo – grazie al cielo regalano tappi gratis, che a una certa età stare sempre sotto cassa inizia a diventare pesante – in questo gigantesco spazio. Di fronte a noi il palco principale dove sta suonando Byetone. Dietro, cammina cammina, c’è invece la Sala Rossa; una sorta di Boiler Room all’italiana, se vogliamo chiamarla così (boiler perché ci fa un caldo pazzesco, obvz).

Dunque, tempo di girarsi un attimo, scoprire che Zomby ha tirato pacco e bersi una birra nell’area lounge ed ecco arrivare i Modeselektor. Non potevo non esimermi dal fare un bel video in pole position, anche se – ammetto – mi aspettavo davvero di veder comparire Thom Yorke da un momento all’altro. Sai, dato che Zomby ha tirato pacco…

Comunque, eccoveli qui:

E due:

Poi, ammetto, mi sono definitivamente fermata nella stanza rossa per un bel po’ e mi sono anche ricordata di fare un video a Pearson Sound:

Anche quest’anno ve lo siete persi? Guardate un po’ qui e preparatevi per il prossimo anno!

Altre storie
The Stroke: un’improvvisazione jazz su un corto d’animazione disegnato a mano dal calligrafo Vincent de Boer