Giulia Rien-à-mettre | Abito in fibra di latte

Pochi giorni fa, forzando la tenuta del mio stomaco, vi ho parlato di una fibra di origine batterica utilizzata da una ricercatrice inglese per creare indumenti…
Oggi invece vi mostro un abito fatto di una fibra estratta del latte. Più appetitoso no?
Grazie ad un brevetto italiano degli anni ’30 che giaceva dimenticato in qualche cassetto, riscoperto e portato alla luce dalla giovane designer Giulia Mazzer, è stato possibile realizzare un tessuto fatto di latte.

Estraendo, attraverso una lavorazione particolare, la parte lipidica del latte , infatti, si riesce ad ottenere una fibra 100% naturale, antibatterica ed antiallergica, che si presta ad essere lavorata come il cotone e la seta,  pare che al tatto sia morbidissima. Non solo ha un bassissimo impatto ambientale: per produrla si immette pochissima CO2.
Giulia Rien-à-mettre, nome del brand, è inoltre prodotto interamente in Italia, le tinture utilizzate sono tutte naturali, con un consumo di acqua inferiore fino a 300 volte rispetto alle tinture tradizionali.
Il latte mi piace tanto!

co-fondatrice e caporedattrice
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.