Gytha Mander: cravatte di legno per giovani demoni country

Gytha Mander

Gli abiti e gli accessori di Gytha Mander mi danno l’idea della provincia americana. Il lato oscuro del midwest agricolo. Amanti che non si incontrano, porte-finestre che sbattono al vento, funerali e bibbie impolverate. Giovani anime maledette, elegantemente vestite: dietro, una colonna sonora continua degli Arcade Fire o di Bonnie Prince Billy.

I pezzi più originali della collezione sono le cravatte di cuoio e legno, quasi improponibili nella vita reale e quasi perfette dentro ad un ipotetico grande romanzo americano ambientato tra pianure, zanzare e cieli grigi.

Altre storie
Le Cartoline Gioiello nate dalla collaborazione tra la designer Giulia Tamburini e il disegnatore Ettore Tripodi