Bisticci | Botte

Botte non è certo la prima parola dedicata al mondo del bere di questa rubrica, tempo fa infatti parlammo di barricate, ricordate?
E, se mi è concesso uno spoiler, non sarà di sicuro l’ultima, perché già ho individuato chinato, che mi sembra fantastica perché anche la parola china ha molteplici significati: la china quale pendio di una montagna, la china calisaia, bellissimo nome di una pianta che non so se cresca in Langa dove fanno i Baroli, i Moscati e i Barbera chinati, ma di sicuro ha origini sudamericane, e poi la china del famosissimo inchiostro di china.

Ve lo dico subito, l’ultima china di cui sopra è in realtà l’italianizzazione del portoghese di Cina. Quindi si dovrebbe più propriamente dire inchiostro di Cina.

Comunque, non a caso questo bisticcio è andato ad un grande amante di questo progetto, che appartiene ad una famiglia che da anni produce in un piccolo laboratorio Vermouth e vini chinati usando erbe del territorio e una maestria unica. Mi ha chiesto alcuni bisticci perché ne è collezionista e non ci sentivamo da un po’, e sapendo che si trovava ad Asti gliene ho mandato uno che potesse assisterlo mentre assemblavano il loro ultimo piccolo capolavoro.

Mi ha mandato a casa una serie delle loro creazioni, che non sto a decantare (altra parola dedicata al bere che abbiamo già visto in questa rubrica), solo perché voglio che le scopriate da soli dato che le sta fotografando in un modo decisamente interessante e perché sono immensamente buone. Si tratta dai chinati Vergano.

(Simone, tra l’altro, spero che dalle foto ti venga la voglia di andare a capire questi cosa fanno in quel laboratorio e raccontarcelo, perché io fino ad ora mi sono limitato a berli).

Comunque io ci sto pensando da un paio di mesi: dato che qua le parole appaiono e scompaiono, e assieme ad esse fanno giri i pensieri, si mostrano trucchi dello spirito, giochetti, enigmi e indovinelli… Ma che ne dite se cominciassimo dei bei concorsi di enigmistica con Frizzifrizzi?

Che dite, convinciamo Simone, e con lui Ethel e Francesca, ad ospitare dei giochi a premi sui loro canali social?

Così, a caso!
Solo per provare a risvegliarci dal torpore della pandemia e dare una nuova assurda linfa a questa delirante (ma mai doma) rubrica che è in realtà una ricerca continua tra Dizionari e Significati.

Diteci di sì, cari lettori, e cominciamo a fare sul serio. E sul faceto.

autore della rubrica “Bisticci”
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.