Partecipa al #BOOKTOBER, un'iniziativa di Frizzifrizzi da un'idea di Davide Calì

La storia del design sovietico in una spettacolare timeline

Come abbiamo già avuto modo di spiegare in tre articoli dedicati ad altrettanti libri — Vniite, Designed in the USSR e Soviet Logos: Lost Marks of the Utopia — la storia del design dell’era sovietica è molto più ricca e affascinante di quanto ci si aspetti, e solo di recente, grazie all’instancabile lavoro del Moscow Design Museum, è iniziata l’opera di recupero e di valorizzazione del materiale accumulatosi nei decenni, tra quello sopravvissuto al crollo del regime e alla (in parte comprensibile) furia distruttrice di chi pensava di poter ricostruire cancellando il passato.

Senza pretese di completezza e approfondimento, una pur interessante infarinatura sull’argomento la dà un mini-sito progettato dallo studio creativo ucraino Obys, pluripremiata agenzia che a fine marzo ha messo online un’affascinante timeline del design sovietico: un vero e proprio almanacco digitale che copre il periodo che va dai primi anni ’20 e arriva al 1991, l’anno del collasso definitivo.

Frutto di diversi mesi di ricerca, USSR Design Almanac si sviluppa come un’unica, lunghissima pagina da scorrere in verticale, piena di materiale e animazioni, con alcune informazioni essenziali da andare poi, eventualmente, ad approfondire.

(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
(fonte: ussr.obys.agency)
Altre storie
I titoli dei libri antichi diventano skyline nei poster di Nicholas Rougeux