Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Una mostra e un catalogo mettono insieme le copertine di Dick Bruna e i fiammiferi giapponesi

Delle straordinarie copertine che il designer ed illustratore olandese Dick Bruna disegnò per la casa editrice di famiglia ho parlato non molto tempo fa.
Scopro ora, però, che proprio alcune di quelle copertine sono le protagoniste di una curiosa mostra allestita presso la Katherine Small Gallery, piccola galleria aperta appena nel 2018 in quel di Somerville, Massachusetts, e focalizzata su discipline come la grafica, la tipografia e le cosiddette ephemera, cioè tutti quegli quei documenti prodotti per avere una durata breve, temporanea — effimera, appunto, come i biglietti del treno o del cinema, i pass per una fiera, i tagliandi della lotteria, i cataloghi, i volantini, le ricevute, le prescrizioni del medico.

Riconducibili al grande calderone degli ephemera — termine che non ha un equivalente in italiano — si possono considerare anche le scatole di fiammiferi. Fiammiferi — più precisamente fiammiferi giapponesi — che della suddetta mostra sono, incredibilmente, i co-protagonisti.
«Le copertine di Dick Bruna non hanno niente a che fare con le scatole di fiammiferi. O invece sì?», chiede con una strizzatina d’occhio il curatore, Michael Russem, che spiega come, nello stesso periodo in cui Bruna lavorava alle sue copertine, in Giappone si producessero scatole di fiammiferi con grafiche che, a migliaia di chilometri di distanza, sembravano in qualche modo allacciare un dialogo formale, cromatico e stilistico con i lavori dell’artista olandese.

(fonte: ksmallgallery.com/)

L’esposizione Dick Bruna and Black Bears and Japanese Matchboxes, che ha inaugurato a dicembre e va avanti fino a marzo 2019, è una sorta di scoperta e di esplicitazione di quel dialogo, attraverso l’accostamento di 38 copertine con altrettante confezioni di cerini.

Come per la precedente mostra Ivan Chermayeff: Mostly Early Covers, anche in questo caso è stato stampato un piccolo catalogo. Appena 20 pagine, ma assolutamente da non perdere.

(fonte: ksmallgallery.com/)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: ksmallgallery.com/)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: ksmallgallery.com/)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: ksmallgallery.com/)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)
(fonte: ksmallgallery.com/)
(fonte: facebook.com/ksmallgallery)

[via]

co-fondatore e direttore
Mostra Commenti (0)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.