«Non è difficile trovare esempi delle copertine di libri realizzate da Ivan Chermayeff ma, quando vengono messe fianco a fianco con i loghi creati dal suo studio per clienti come Mobil, Showtime, MoMA e Chase, è facile che vengano sottovalutate», sostengono i curatori della Katherine Small Gallery di Somerville, Massachusetts.

Il fatto è che Chermayeff, scomparso nel 2017 a 85 anni e fondatore, insieme a Tom Geismar, dello studio Chermayeff & Geismar, è stato uno dei progettisti grafici più importanti del ventesimo secolo, ideatore di alcuni tra i più celebri loghi americani e, com’è lecito immaginare, in mezzo a tanto materiale di altissimo livello è facile che lavori di grande qualità ma di minore impatto come le copertine dei libri possano passare, se non inosservati, perlomeno sminuiti.

E invece varrebbe la pena riscoprire anche il Chermayeff cover designer, che è ciò che la galleria americana sta facendo attraverso una mostra, Ivan Chermayeff: Mostly Early Covers, che rimarrà allestita fino a settembre 2018, accompagnata da un piccolo catalogo che va a completare idealmente la bella monografia pubblicata di recente da Standards Manual.

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)

(fonte: ksmallgallery.com)