Scomparso il 27 maggio del 2014 a 83 anni (seguito, due anni dopo, dalla moglie Leila, compagna di vita e di lavoro per più di cinquant’anni ), Massimo Vignelli è stato uno dei più grandi designer del Novecento, e continuerà ancora a lungo a essere una inesauribile fonte d’ispirazione per le nuove generazioni di progettisti grafici, sia attraverso le sue opere conosciute che attraverso quelle ancora da scoprire.

Dall’Archivio Vignelli (bellissimo progetto di cui parlammo qui su Frizzifrizzi qualche anno fa) continuano infatti a uscire piccole grandi perle, tra le quali alcune idee per la mappa della metropolitana di Washington D.C.

Autore della celebrata quanto controversa mappa della metro di New York (protagonista di un recente albo illustrato di Emiliano Ponzi), Massimo Vignelli disegnò anche la segnaletica della metropolitana della capitale statunitense, ma evidentemente aveva qualche idea pure per la mappa (che tuttavia venne commissionata a un altro mostro sacro del design: Lance Wyman).

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)

(fonte: vignellicenter.tumblr.com)