Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Le macchine inutili (e di carta) di Riza Cruz

riza_cruz_2

Il 6 aprile scorso il magazine The Great Discontent — su idea dell’artista americana Elle Luna, a sua volta ispirata da un laboratorio che il grande designer Michael Bierut faceva fare ai suoi alunni della Yale School of Art — ha lanciato su Instagram un progetto collettivo chiamato #the100dayproject.

Come da titolo, si tratta di scegliere un’attività e poi svolgerla ogni giorno per 100 giorni, postandone quotidianamente il risultato sul proprio profilo.
L’idea è stata subito accolta da un gran numero di artisti, designer, aspiranti cuochi… C’è infatti chi si è messo a cucinare, chi sta disegnando solo mele, chi abbozza personaggi traballanti.

La 22enne californiana Riza Cruz, aspirante illustratrice, si è invece data da fare per realizzare ogni giorno, per 100 giorni, un robottino o comunque un “apparecchio” tecnologico immaginario costruito usando (tranne qualche rara eccezione) solo e soltanto carta, talvolta pure battezzando la sua creazione con un altisonante nome da automa oppure indicandone la fantascientifica funzione.

Ovviamente il pensiero va dritto come un razzo alle Macchine Inutili di Munari. Altrettanto ovviamente il paragone con una delle più grandi “teste creative” del Novecento (e non solo) non regge. Ma onore al merito alla giovane Cruz, che inizialmente voleva intraprendere la via dei 100 giorni disegnando robot con inchiostro e acquerelli ma poi si è messa in gioco con un materiale a lei poco familiare come la carta e con una dimensione in più — la terza — rispetto alle due a cui era abituata, riuscendo anche a migliorare, in fase di realizzazione, giorno dopo giorno.

riza_cruz_3

riza_cruz_4

riza_cruz_5

riza_cruz_6

riza_cruz_7

riza_cruz_8

riza_cruz_9

riza_cruz_1

Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.