#diecifoto | Marco Alfredo Bressan

#diecifoto è una nuova rubrica in cui ospitiamo artisti, designer, autori, musicisti, giornalisti—in pratica personaggi che riteniamo interessanti—e sbirciamo dentro ai loro telefoni chiedendo di raccontarci (e al contempo raccontarsi attraverso di esse) le 10 dieci foto più significative tra quelle che tengono al sicuro lì dentro.

Marco Alfredo Bressan
Milanese, classe 1972, papà di quattro figli, responsabile di produzione di e-Pitti/Fieradigitale, fotografo, docente presso la scuola di fotografia Bottega Immagine, nel 2013 ha pubblicato il libro Ritratti in Pelle, su tumblr racconta la sua vita attraverso una serie di lettere a un amico.

marcobressan.it
marcoalfredobressan.tumblr.com
ritrattinpelle.tumblr.com

01

I miei figli sono dei “supereroi”, anzi come dicono loro dei “ciuppeleloi”…
La A in questo caso stà per Andrea.

02

Prunilde è arrivata da noi forse nel momento meno adatto, ma ha saputo farsi amare subito diventando la nostra “gattona di famiglia”.

03

Se postessi scegliere un luogo in cui vivere fuori dall’Italia, beh non avrei dubbi: Parigi.
E dopo questa gita la pensano così anche i miei figli.

04

Vacanza.
Il momento in cui stando insieme siamo finalmente liberi.

05

Se potessi scegliere una regione in cui vivere in Italia, non avrei dubbi neanche stavolta: la Toscana.

06

I riflessi nei giorni successivi alla pioggia costruiscono specchi che riflettono la luce e io con la luce prendo forma.

07

Adoro i particolari, quegli scatti semplici che racchiudono storie meravigliose.

08

Ci si nasconde.
Ma solo per farsi trovare.

09

Che sia attraverso delle strade, attraverso le persone che incontro o nella mia mente, la vita per me è da sempre un meraviglioso viaggio.

10

È arrivato per me il momento di allargare gli orizzonti, di provare a includere più informazioni in quello che vedo e cerco di raccontare. Un semplice vetro che mi porta in nuova sfida. Un nuovo viaggio.

co-fondatore e direttore

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Il carattere tipografico nell’arte contemporanea