Save the date | Chérie’s Tree House

«Chi vuole guardare bene la terra deve tenersi alla distanza necessaria» faceva dire Calvino a Cosimo Piovasco di Rondò, quel Barone Rampante che dopo una litigata con il Barone senior per un piatto di lumache che proprio non voleva saperne di mandar giù decise di arrampicarsi su un albero e di passare il resto della sua vita tra rami e foglie, vivendo un’esistenza più piena (cacciatore, naturalista, rubacuori, lettore appassionato, oratore coinvolgente, capo-popolo, orgoglioso innamorato, sentinella, amico di furfanti e addirittura – bizzarro per uno che vive tra le fronde – padrone di un cane) di noi poveracci che per abitudine e pigrizia preferiamo tenere i piedi per terra.

E, seppur solo idealmente sopra un albero, Chérie’s Tree House è alla giusta altitudine per guardare altrettanto bene il mondo di noi bipedi visto che per l’ottava edizione la scelta dei designers che esporranno i loro prodotti nel solo e unico “mercatino rampante” copre il meglio del giovane made in Italy in fatto di moda ed accessori (guarda il flyer qua sotto, illustrato da Pietro Nicolaucich, poi asciugati la saliva dalle labbra).

L’appuntamento è per sabato/domenica 12/13 maggio e oltre ad abiti, borse, scarpe, cappelli, occhiali, gioielli, costumi da bagno (+ uno spazio vintage ed altre amenità varie) sulla'”albero” si mangerà cibo bio del ristorante 26 ed i dolcetti di Laurel Evans, di Milano, si berrà cocktail molecolari preparati da Alessandro Melis, si ascolterà la musica dei Giandisco & Friends, comodamente arrampicati sulle installazioni di Countdown Design.

QUANDO: 12/13 maggio 2012
DOVE: Erreci Studios | via Sant’Eusebio 26, Milano | mappa | fb

Video credits
Director: Marco Mucig
Assistant Director: Alessandro del Grosso
Color Grading: David Vivaldini
Music: Nosaj Thing ‘Quest’ taken from Drift LP
Actors: Adrianna Glaviano, Sophie Bergisch + Marco Colangelo, Gianluigi “Giandisco” De Rosa + Charles Harm, Emmanuelle Moutinho + Andrea Osborne Sguerri.

Altre storie
Save the date | Marion Fayolle: corpi che pensano