Antonello Tedde @ NeoZone

Antonello Tedde

Di sardo ho: molti bei ricordi, qualche ex-amica, molti tessuti (tovaglie da tavola, arazzi e asciugamani), qualche nuovo amico, delusioni fortissime, una cognata e una bellissima nipotina neonata a Cagliari.
Mica male, vero?

Non vi stupirà sapere che appena ho avvistato le borse di Antonello Tedde nel suo spazio NeoZone a Milano ho capito la provenienza e l’ispirazione e ho deciso di scrivere un post. Innamorata a prima vista delle “noccioline” che spuntano del tessuto di queste borse!

Antonello è nato a Mejlogu ma vive e lavora a Londra. Dice che la sua è una famiglia di pastori, perciò conosce bene gli oggetti della quotidianità sarda: le bisacce, i tappeti, gli arazzi, gli asciugamani. Da sua madre e sua nonna ha imparato l’arte del ricamo e del cucito.

Dopo aver collaborato con Antonio Marras, Prada, Bella Freud, Paul Smith, Mulberry e Fendi, ha deciso di focalizzare la sua attenzione sulla ricerca di forme per esprimere questa “estetica della sardità”.
Studiando l’artigianato tessile sardo e visitando le tessitrici locali, recuperando l’immagine della donna nella tradizione, ripensando alle donne della propria famiglia e del proprio paese, prima fra tutte Maria Carta.
Cercando di creare un prodotto la cui identità stilistica sia legata ai simboli sardi attualizzati e rielaborati in contesti davvero innovativi.

Antonello Tedde

Altre storie
LenzuoLino: la riscoperta di un “nuovo” antico lino passa per un corredino da culla