The Sanctuary: lo svuotatasche iperconnesso

Cellulare, iPod, macchina fotografica, portafogli, porta biglietti da visita, chiavi, mini-blocco note, tabacco + cartine (ahimé), accendino: è quello che tra tasche e borsa mi porto dietro ogni giorno. Prima che mi regalassero il Multipot ogni volta era un piccolo dramma: attaccare le spine, mettere in carica gli apparecchi elettronici ecc…

Ora c’è un’alternativa addirittura migliore che, dietro ad un nome quasi spirituale – The Sanctuary – nasconde lo svuotatasche più tecnologico che ci sia.
Grazie a 12 connettori ben nascosti sotto la superficie dove appoggiare le proprie cose, The Sanctuary permette di tenere in perfetto ordine tutti i propri gadget elettronici e non solo. Il tutto con il minimo ingombro.
A differenza del Multipot, qui non bisogna nemmeno usare le proprie spine visto che quelle già presenti coprono già ampiamente la gamma di cellulari e lettori mp3 che, con ogni probabilità, avete in casa.

via Josh Spear

co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
Moving Pictures: un libro e un archivio online dedicati ai poster cinematografici di Hans Hillmann