•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

7 foto e 7 domande, alle 7 di mattina, a fotografi che si svegliano presto o non sono ancora andati a dormire.
Oggi è la volta di Matteo Bucciol in arte “Ehi, Sintonia” (dalla canzone dei Cosmetic “Ehi, Sintonia“), qui il suo sito.

Ciao Matteo, quanti anni hai e di dove sei? Da quanto scatti foto?
Ciao Ethel, ho 27 anni, ancora per qualche giorno. Sono di Chioggia, una piccola città di pescatori nella laguna veneta ma ora abito a Padova. Scatto foto da 3/4 anni ma il mio non è un rendimento costante, posso anche non scattare per un anno e poi riprendere assiduamente per mesi.
Sono fatto così, non sono coerente e ho sempre bisogno di stimoli nuovi.

La tua attrezzatura?
Cambio spesso macchina, qualche anno fa usavo una digitale Eos 30D. Tre anni fa ho deciso di provare con l’analogico e quindi ho comprato una DianaF+. Poi sono passato a Lubietl166+, Minolta SRT100x, Minolta Dynax 7, Rollei 35s ed ora Yaschica T4.
Ma penso che non mi fermerò qui.

Cosa fai quando non fai foto?
Principalmente lavoro in un’azienda che si occupa di energie rinnovabili.
Per il resto del tempo faccio un sacco di sport e ultimamente mi piace dipingere.

Descrivimi la tua stanza.
Un bel casino. Vestiti sparsi ovunque, una pila di libri, di film e una bottiglia di Prosecco Col Fondo.

La tua macchina fotografica pesa quanto…
La mia cena.

Se il tuo immaginario fosse un film? O un libro?
Se fosse un film sarebbe Like Crazy di Drake Doremus.
Se fosse un libro Il club degli incorreggibili ottimisti di Guenassia Jean-Michel.

Un fotografo/a che mi consigli di tener d’occhio?
Marija Strajnic.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •