Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.

Tesori d’archivio: le illustrazioni di moda di fine ‘800 / inizio ‘900

Anche se già fin dal ‘500 si possono ritrovare quelli che oggi potremmo definire come “figurini”, si trattava perlopiù di incisioni per opere a carattere antropologico — costumi di popoli lontani, abiti religiosi, ecc.
La vera e propria illustrazione di moda nacque due secoli più tardi, nella Francia del ‘700, quando cominciarono a diffondersi le prime riviste di moda, che presto conquistarono notevole successo nel resto d’Europa e poi in tutto il mondo (in Italia, ad esempio, a metà ‘800 si pubblicavano ancora i figurini francesi, mettendo bene in evidenza che si trattava della “moda di Parigi” o “di Francia”).

Per le riviste francesi come la Gazette du Bon Ton, il Journal Des Dames et Des Modes e la celeberrima Vogue lavoravano alcuni tra i migliori disegnatori, e fu così per decenni, fin quando, a inizio ‘900, cominciò a farsi largo la fotografia di moda.
Proprio a quel periodo risalgono le illustrazioni di Charles Martin.
Nato nel 1884, Martin debuttò nel mondo dell’editoria di moda grazie a Lucien Vogel. Figura centrale nel mondo della moda francese di inizio ‘900 e marito di Yvonne de Brunhoff (sorella del creatore dell’elefante Babar), Vogel aveva frequentato la scuola di Belle Arti con Martin, e lo chiamò a lavorare con lui quando, nel 1912, fondò la Gazette du bon ton, rivista che contribuì a lanciare le carriere di molti degli illustratori che vi collaborarono.

Charles Martin, “Tirage sur Japan”, tavola di “Sports et Divertissements”, 1920
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)

Oltre che per le riviste, Martin disegnò anche diversi albi, tra i quali un capolavoro dell’arte erotica come Mascarades et amusettes, che è del 1925, e Sports et Divertissements, che ebbe un’avventura editoriale piuttosto travagliata.
Ideato dallo stesso Vogel per la Gazette, doveva essere una pubblicazione da collezione, che mettesse insieme illustrazione, moda, musica e quello che oggi chiamiamo “lifestyle”.
Si trattava di un albo in cui i disegni di Martin dovevano rappresentare persone dell’alta società intente a passare il tempo con attività sportive (la pesca, la yachting, il nuoto, il golf, le corse dei cavalli, lo slittino, il tennis), e ludiche (il ballo, il carnevale, il picnic, i fuochi d’artificio), ciascuna di esse messa in musica da piccole composizioni, che vennero affidate nientemeno che a Erik Satie (si possono ascoltare qui), anche se pare che in principio vennero commissionate a Stravinsky, che però rifiutò giudicando il compenso troppo basso.

Charles Martin, “Le Choix difficile”, pubblicata sul Journal des Dames et des Modes, 1913
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)

Musiche e disegni erano già pronti nel 1914 ma il progetto si bloccò per lo scoppio della prima guerra mondiale. Prima della fine della guerra, Vogel vendette i diritti a un altro editore, per poi riacquistarli dal medesimo nel 1922, commissionando però a Martin una nuova serie di illustrazioni per andare incontro al mutato gusto estetico del periodo. Se la prima versione era stata realizzata in uno stile che mostra le evidenti influenze dell’Art Déco, nella seconda si vede chiaramente che nel frattempo il cubismo è arrivato alle masse.
Sports et Divertissements infine uscì nel ’23.

Una delle tavole dell’opera, datata però 1920, è conservata presso il Rijksmuseum di Amsterdam, insieme a diverse altre illustrazioni di Martin prodotte per la Gazette du bon ton e il Journal Des Dames et Des Modes.
Il sito Rawpixel ne ha restaurate alcune in digitale e le ha messe a disposizione sulla propria piattaforma, da scaricare gratuitamente, il più delle volte anche in alta risoluzione.

E non è finita qui: sempre su Rawpixel si trovano altre illustrazioni di moda dell’epoca, firmate dal francese Bernard Boutet de Monvel e dall’austriaco Otto Friedrich Carl Lendecke.

Charles Martin, “Habit nouveau par Kriegck”, pubblicata sul Journal des Dames et des Modes, 1913
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Petit robe de jardin, par Poiret, en crêpe de laine bleu – Fichu et poignets de lingerie”, pubblicata sul Journal des Dames et des Modes, 1913
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Robe de linon rayé, bordée de linon rose – Fichu aussi de linon rose”, pubblicata sul Journal des Dames et des Modes, 1913
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Aphrodite – Dans les jardins de la Déesse”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1914
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Le chapeau en porcelaine – Modes et Manières de Torquate”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1920
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Hindoustan – Robe-manteau, de Paul Poiret”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1920
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “La morte d’amour – Modes et Manières de Torquate”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1920
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “The country girl”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1921
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “La Belle de Chamonix – Jaquette Hermine et Renard Blanc, de Max-A. Leroy”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1924
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Capitaine George”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1921
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1921
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Les Gorgerettes”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1921
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Charles Martin, “Capitaine George”, pubblicata sulla Gazette du Bon Ton, 1921
(originale: The Rijksmuseum | fonte: rawpixel.com)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.