fbpx

Tutti i libri di Katsumi Komagata disponibili da Mutty

In Le cose come sono — a mio parere uno dei più efficaci scritti che provano a spiegare il buddismo con un linguaggio contemporaneo, accessibile, allo stesso tempo pieno e asciutto — l’autore, il francese Hervé Clerc, a un certo punto tira le somme di quanto illustrato fino a quel momento e scrive:
«Dopo aver esposto la dottrina delle quattro verità, [il Buddha] la condensò in un’unica frase: “Se sono venuto è per insegnare il dolore e la fine del dolore”. Il buddhismo — con i suoi tre canoni, le centinaia di liste, gli ottantaquattromila insegnamenti, le montagne di commenti — è racchiuso in due parole: il dolore e la fine del dolore. Privilegio delle grandi visioni del mondo: si sviluppano in fronde smisurate dove migliaia di uomini trovano ombra e conforto, attraverso i secoli, ma sono anche racchiuse in due parole».

Lì dentro c’è, credo, una bellissima descrizione dell’immane e luminosa potenza della nuda semplicità. Quella semplicità che non è sinonimo di superficialità né l’opposto della complessità. E che, anzi, la complessità la racchiude, esattamente come un seme contiene già “le fronde smisurate”, una formula matematica ridotta all’essenza1 può spiegare una complicatissima legge della natura e, forse, una stringa unidimensionale e vibrante sta alla base di tutto ciò che c’è nell’universo.

Katsumi Komagata, “Little Tree / Petit Arbre”, Le Cosmographe / One Stroke, 2008 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Little Tree / Petit Arbre”, Le Cosmographe / One Stroke, 2008 (courtesy: Mutty)

Ciò che ritroviamo nei libri di Katsumi Komagata si avvicina molto a questo tipo di profonda essenzialità.
Nelle sue opere per l’infanzia, l’autore giapponese — considerato dai più come un ideale erede di Bruno Munari — ha la rarissima capacità di raccontare, spiegare e mostrare le meraviglie del mondo, la poesia delle piccole cose, lo spettro delle emozioni, il mistero della vita e quello della morte, utilizzando né più né meno che la umile carta, attraverso pieghe, geometrie, tagli e colori.

Nonostante i molti, prestigiosi premi ricevuti in tutto il mondo, tuttavia, i libri di Komagata sono tutt’altro che semplici da trovare. Per questo motivo segnalo una notizia che farà felici le molte appassionate e i molti appassionati dell’autore.
Lo spazio culturale Mutty di Castiglione delle Stiviere proprio in questi giorni ha infatti ricevuto un prezioso pacco, annunciando, tramite newsletter, che «sono arrivati in libreria, direttamente dal Giappone, tutti i libri di Katsumi Komagata. Aspettavamo da tempo quest’ordine che per noi significa arricchire la libreria di titoli preziosi e continuare ad essere un punto di riferimento per gli amanti di Komagata, i collezionisti e per coloro che desiderano scoprire il suo approccio visivo e pedagogico».

Katsumi Komagata, “I’m gonna be born”, One Stroke, 2020 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “I’m gonna be born”, One Stroke, 2020 (courtesy: Mutty)

Mutty ha un rapporto speciale con l’artista: tre anni fa lo ospitò per un workshop di tre giorni; l’anno scorso organizzò una mostra e la presentazione del “libro dei libri di Komagata”, oltre a un ciclo di incontri “per imparare a leggere e giocare” coi suoi libri.

Ora, con l’arrivo delle preziose edizioni, in vendita anche sul negozio online di Mutty, si aggiunge un ulteriore filo a questo prezioso legame, che coincide con una serie di laboratori per bambini dai 6 agli 8 anni organizzata in collaborazione con One Stroke, la casa editrice dello stesso Komagata, e con Elisabeth Lortic de Les Trois Ourses, la casa editrice francese che pubblicava i suoi libri.

Katsumi Komagata, “Blue to blue / Du bleu au bleu”, One Stroke, 2018 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Blue to blue / Du bleu au bleu”, One Stroke, 2018 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Front & Back”, One Stroke, 2019 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Front & Back”, One Stroke, 2019 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Front & Back”, One Stroke, 2019 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Lucky Mouse”, One Stroke, 2020 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Lucky Mouse”, One Stroke, 2020 (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Little eyes 6 – What color?”, Les trois ourses (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Little eyes 5 – 1 to 10”, Les trois ourses (courtesy: Mutty)
Katsumi Komagata, “Little eyes 9 – Walk and look”, Les trois ourses (courtesy: Mutty)
Altre storie
La cartografia del piacere di Jüne Plã, autrice di “Club Godo”