(fonte: apollopresskits.com)

Tesori d’archivio: i press kit della missione Apollo 11

Lo sbarco dell’uomo sulla Luna, cinquant’anni fa, è stato un evento di una portata talmente colossale che raramente ci si focalizza su tutti quegli aspetti che vanno oltre l’impatto che ha avuto sulla storia, sulla società, sulla scienza e la tecnologia.
Trasmesso in diretta in quasi tutto il mondo (si stima che furono poco meno di un miliardo i nasi attaccati allo schermo), l’allunaggio non fu soltanto “un grande passo per l’umanità” ma anche per la comunicazione.

C’è però un punto di vista che passa spesso inosservato, ed è quello del cosiddetto content marketing. Secondo David Meerman — stratega del marketing, imprenditore e consulente — la missione Apollo 11 fu un vero e proprio spartiacque.
«I visionari dirigenti del Dipartimento Affari Pubblici della NASA hanno usato un approccio giornalistico al marketing e alle pubbliche relazioni per educare il pubblico, piuttosto che stabilire un ordine del giorno o vendere un messaggio. Gli addetti agli Affari Pubblici della NASA hanno capito cos’è che costituiva una buona storia e quali erano i dettagli capaci attirare l’attenzione dei membri dei media. Così la NASA ha creato materiali che rispondevano alle esigenze del giornalista, come articoli firmati, conferenze mediatiche sponsorizzate, filmati televisivi, trasmissioni radiofoniche prodotte ad hoc e, infine, kit stampa».

(fonte: apollopresskits.com)

Le tante aziende che hanno in qualche modo partecipato alla missione hanno quindi imitato tale approccio puntando sugli stessi criteri, e cioè notizie che avessero la capacità di intrattenere, educare, conquistare la fiducia, prestarsi a essere condivise con amici, familiari, colleghi e conoscenti.

Negli anni Meerman ha raccolto e collezionato quanto più materiale possibile relativo a questo aspetto. Ha anche scritto un libro in proposito, Marketing the Moon: The Selling of the Apollo Lunar Program, che raccoglie i press kit di tutte quelle imprese i cui prodotti e le cui ricerche portarono o accompagnarono Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins sul bucherellato terreno lunare.

In occasione del cinquantenario, Meerman ha deciso di mettere a disposizione di tutti le cartelle stampa in suo possesso e ha creato un apposito sito, Apollo Press Kits, dal quale si possono scaricare tutte, da quelle della stessa Nasa a quelle della IBM, passando per chi produceva i pasti, chi le penne, chi gli orologi, chi le tute, chi le macchine fotografiche.
Un’ottima risorsa sia per chi studia grafica che per chi si occupa di comunicazione.

(fonte: apollopresskits.com)

[via]

co-fondatore e direttore

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
La rivista Creative Review compie 40 anni e li celebra con un numero speciale