Heather David, “Vintage Travel Soaps” (fonte: flickr.com/photos/14696209@N02/sets/72157673345999752)

Tesori d’archivio: le grafiche delle mini-saponette

«Ovunque viaggio una vita minuscola: porzione singola di zucchero, porzione singola di latte, panetto singolo di burro, il kit per hobby cordon bleu al microonde, shampoo e balsamo in un unico prodotto, campioncini di collutorio, saponettine» diceva Edward Norton nella memorabile scena degli “amici porzione singola” all’inizio del film Fight Club, una scena che a sua volta a me rimanda all’infanzia, quando mio padre, che stava fuori per lavoro quasi tutta la settimana, tornava il venerdì sera e mi portava proprio le saponettine degli alberghi.

Avevo una grande scatola di latta in cui le conservavo tutte. Forse è stata la mia prima collezione, quella. Ogni saponetta un viaggio — Firenze, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Reggio Calabria, le più esotiche arrivavano dalla Tunisia, dall’Egitto, dall’Arabia Saudita. Ho ancora in testa tutti i profumi che, insieme all’odore di stanchezza e sudore di chi ha tanti chilometri sulle spalle, per me erano sinonimo del ritorno a casa, della famiglia riunita.
Aprire la scatola di latta — gli aromi che si mescolavano e finivano su per il naso — era una delle cose più rassicuranti che ci fossero, seconda solo a quando mi addormentavo in macchina e mi prendevano in braccio per mettermi a letto.

Heather David, “Vintage Travel Soaps”
(fonte: flickr.com/photos/14696209@N02/sets/72157673345999752)

Oggi anche le mie figlie hanno una scatola come quella, sebbene un po’ più vuota, perché viaggio molto meno di mio padre. Ma è con la nuova scatola che mi sono accorto di come le saponettine, oltre al valore simbolico e affettivo, possano essere interessanti anche dal punto di vista grafico e tipografico.

Quelle vecchie non le ho più, ma online c’è un piccola quanto affascinante collezione pubblicata su Flickr da Heather David, un’appassionata di design modernista che di alberghi e motel ne ha visitati parecchi visto che ha pure dedicato un libro all’argomento: Motel California.

Heather David, “Vintage Travel Soaps”
(fonte: flickr.com/photos/14696209@N02/sets/72157673345999752)
Heather David, “Vintage Travel Soaps”
(fonte: flickr.com/photos/14696209@N02/sets/72157673345999752)
Heather David, “Vintage Travel Soaps”
(fonte: flickr.com/photos/14696209@N02/sets/72157673345999752)

[via]

Altre storie
Tesori d’archivio: i pattern dei calligrammi sacri di Rabanus Maurus