Partecipa al Booktober. Dal 1º al 31 ottobre.
Folio Notebook & Sketchbook (fonte: thisisfolio.com)

Per scrivere o disegnare: i notebook di Folio

L’esercizio della scrittura e del disegno è un’attività che sta man mano perdendo il bisogno di supporti materiali. Testi e illustrazioni possono benissimo non arrivare mai su carta: non è così raro che ogni passaggio — dallo schizzo e dalla bozza all’opera finita — sia solo questione di schermi e di pixel.
Tuttavia, in una sorta reazione uguale e contraria, sempre più spesso nascono nuove realtà che decidono di investire tempo, denaro e fatica nella produzione di strumenti analogici per appuntare, scarabocchiare, schizzare, mettere nero su bianco.

Con la lentezza e la cura che diventano un lusso per pochi, chi realizza “cose di carta” ci mette la stessa attenzione ai dettagli che si dovrebbe appunto prestare per un prodotto high end, per usare un termine anglosassone caro alle agenzie comunicazione dei marchi della moda.
È questo il caso di Folio: piccolo marchio britannico fondato nel 2017 da un illustratore di Cardiff, Ian Owen.

Folio Notebook & Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)

Per quasi due anni Folio si è specializzato in cartoline illustrate e Owen si è “fatto le ossa” nel mondo dei prodotti di carta partecipando a fiere e mercatini. Poi, nel gennaio del 2019, la svolta: dopo aver acquistato un bastimento carico di carte pregiate, aver progettato, sperimentato, prototipato ed essere riuscito, infine, ad arrivare a ciò che sperava di raggiungere fin dall’inizio della sua avventura, Owen ha annunciato su Instagram l’uscita di due blocchi, uno dedicato a chi disegna — lo Sketchbook — e l’altro a chi scrive — il Notebook.

Entrambi sono composti da ben 200 pagine in formato A5, rilegate con un sistema che combina filo e colla a freddo, e permette ai blocchi di aprirsi completamente (da illustratore Owen odia, a ragione, quelli che non rimangono piatti mentre disegni). Il Notebook ha i fogli a righe, prodotti con carta 100gsm solitamente utilizzata per i manoscritti musicali; lo Sketchbook li ha bianchi e la carta, sempre da 100gsm, è della G.F Smith.
Tutte e due le copertine sono invece in carta Gmund Mill, fatta con cellulosa, luppolo e malto (sostanzialmente birra, dice Owen).
I dettagli, si diceva prima. Anche i risguardi, qui, sono di lusso: carta G.F Smith, di nuovo, ma della prestigiosissima collezione Colorplan.

Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Sketchbook
(fonte: thisisfolio.com)
Folio Notebook
(fonte: thisisfolio.com)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.