fbpx
paul rand 5 e1538067574254
Paul Rand, opere realizzate per IBM dal 1980 al 1985 (fonte: wright20.com)

Tesori d’archivio | Paul Rand

Nato a New York nel 1914 in una famiglia di immigrati ebrei ortodossi e giustamente considerato come uno tra i più grandi maestri del graphic design mondiale, Paul Rand fu un pioniere per la maggior parte della sua lunga carriera.

Il miglior “riassunto” della sua straordinaria vita professionale l’ha fatto Steven Heller nella grande monografia dedicata a Rand pubblicata nel 99 da Phaidon: «Verso la fine degli anni ’30 iniziò a trasformare l’arte commerciale da artigianato a professione. Nei primi anni ’40 influenzò l’estetica della pubblicità e delle copertine dei libri e delle riviste. Verso la fine degli anni ’40 propose un vocabolario di graphic design basato sulla pura forma laddove, un tempo, prevalevano solo lo stile e la tecnica. Verso la metà degli anni ’50 cambiò il modo in cui le grandi società usavano l’identità grafica. E arrivato a metà degli anni ’60 aveva creato alcuni dei loghi aziendali più duraturi del mondo, tra cui IBM, UPS, ABC e Westinghouse. [Rand] fu il canale attraverso il quale l’arte moderna e il design europei — il costruttivismo russo, l’olandese De Stijl e il Bauhaus tedesco — furono introdotti nell’arte commerciale americana. Il primo dei suoi quattro libri, Thoughts on Design, pubblicato nel 1946 quando aveva trentadue anni, era una bibbia del Modernismo. Nei suoi ultimi anni è stato un insegnante, teorico e filosofo del design. Sebbene intollerante nei confronti delle tendenze bizzarre, Rand ha concluso la sua carriera guidato dalla stessa fede di quando aveva iniziato: good design is good will».

paul rand 1 e1538067412302
Paul Rand, opere realizzate per Stafford tra il 1942 e il 1944
(fonte: wright20.com)

Morto nel 1996, a 82 anni, oltre ad aver lasciato un’eredità inestimabile al mondo della grafica e una traccia profonda sui designer che sono venuti dopo di lui, su quelli che proprio ora si stanno formando (anche sopra alle sue opere) e su quelli che verranno in futuro, Rand ha regalato al mondo anche una magnifica casa, che progettò egli stesso nei primi anni ’50 ispirandosi a Marcel Breuer. Considerata come uno tra i più begli esempi di architettura modernista americana, la casa di Rand — a Weston, Connecticut — era anche piena di opere d’arte e di design.

Messi all’asta lo scorso 13 settembre, gli oggetti di casa Rand sono davvero sorprendenti: poster, packaging, bozzetti e studi del suo archivio personale (sopra e di seguito ce n’è una piccola selezione), collezioni di poster di altri designer, sedute di Anna Castelli Ferrieri, di Le Corbusier, di Thonet, di Enzo Mari, di Dieter Rams, appendiabiti di Alvar Aalto, lampade Castiglioni, ma anche oggetti esotici come un abaco cinese, una maschera rituale irochese, statuette yoruba, arte folk americana — tutti oggetti che non soltanto gettano un’ulteriore luce sulla vita del designer, ma che evidentemente hanno anche ispirato e informato il suo modo di progettare.

Visibili sul sito della casa d’aste Wright, i “tesori” dell’archivio Rand si possono ammirare anche sul catalogo che si può sfogliare integralmente online.

paul rand 7 e1538067718196
Paul Rand, pubblicità per Ohrbach, 1946
(fonte: wright20.com)
paul rand 10 e1538067840732
Paul Rand, disegni natalizi, 1955 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 8 e1538067764889
Paul Rand, studio per Shell, 1955 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 6 e1538067628241
Paul Rand, etichette per scatole di sigari El Producto, 1955 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 13 e1538064878678
Paul Rand, copertine per libri tascabili, 1960 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 2 e1538067452830
Paul Rand, pubblicità per Westinghouse, 1962 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 12 e1538064921797
Paul Rand, brochure per IBM, 1964
(fonte: wright20.com)
paul rand 11 e1538067880928
Paul Rand, bozzetti per un libro per bambini, 1965 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 3 e1538067489963
Paul Rand, packaging per IBM, 1980 ca.
(fonte: wright20.com)
paul rand 5 e1538067574254
Paul Rand, opere realizzate per IBM dal 1980 al 1985
(fonte: wright20.com)
paul rand 9 e1538067804838
Paul Rand, materiale per Yale University Art School e Yale Press, realizzato tra il 1988 e il 1994
(fonte: wright20.com)
paul rand 4 e1538067533904
Paul Rand, poster per IBM, 1991
(fonte: wright20.com)
co-fondatore e direttore

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie
trademarks symbols vol1 1
Tesori d’archivio: dove trovare le copie digitali del quasi introvabile “Trademarks & Symbols of the World”