Save the date | Fior di Zucche: i ritratti illustrati di 40 personaggi in mostra a Cremona

fiordizucche_1

Che c’azzecca Mina con Pelé? Che la tigre di Cremona abbia cantato le gesta sportive de O Rei, come viene spesso soprannominato? Non mi risulta.
Né che Piero Manzoni abbia qualcosa a che fare Neil Armstrong (e non ho nessuna intenzione di entrare in discorsi di scatologia spaziale).

Ma se continuiamo a guardare le accoppiate — Ugo Tognazzi/Andy Warhol, Antonio Stradivari/Isaac Newton, Claudio Monteverdi/William Shakespeare — qualcuno particolarmente sveglio, o perlomeno solerte nell’andarsi a cercare le rispettive voci su Wikipedia, avrà incominciato a intravedere uno schema dietro a questi, apparentemente bizzarri, abbinamenti.

Guido Scarabottolo, “Claudio Monteverdi”

Guido Scarabottolo, “Claudio Monteverdi”

Guido Scarabottolo, “William Shakespeare”

Guido Scarabottolo, “William Shakespeare”

Primo indizio: sono tutti personaggi famosi e universalmente riconosciuti nel loro ambito.
Secondo indizio: la città. Di dove sono metà dei personaggi citati? Il nomignolo di Mina spiega tutto.
Terzo indizio: le date di nascita. Gli uni e gli altri sono vissuti negli stessi anni. In via puramente teorica Newton avrebbe potuto passare, un giorno, davanti alla bottega del più celebre tra i liutai. Monteverdi e Shakespeare incontrarsi per lavorare assieme a una riduzione in opera di una delle tragedie o delle commedie del Bardo.

Quarto, ultimo, fondamentale indizio: tutti i personaggi in questione e molti altri1 sono i protagonisti di Fior di Zucche, mostra di illustrazione che inaugurerà il 25 giugno a Cremona, organizzata da Tapirulan nell’ambito di Porte Aperte Festival.

Simone Rea, “Giovanni Baldesio”

Simone Rea, “Giovanni Baldesio”

Simone Rea, “Merlino”

Simone Rea, “Merlino”

In esposizione i ritratti di 40 personaggi a loro modo geniali, dunque delle gran teste, dei veri fior di zucca, realizzati da 20 illustratori, ciascuno alle prese con due zucche, una locale, cremonese, e una più internazionale, per una galleria di celebrità che coprono oltre 2000 anni di storia, a partire dal poeta romano Marco Furio Bibaculo, nato a Cremona, e Gaio Giulio Cesare fino ad arrivare appunto a Mina/Pelé.

Gli artisti chiamati a realizzare le opere (che entreranno a far parte anche del catalogo che accompagnerà la mostra) sono Matteo Anselmo, Claudio Arisi, Davide Baroni, Francesco Bongiorni, Fabio Consoli, Giovanni Da Re, João Vaz de Carvalho, Dimitri Fogolin, Giorgio Fratini, Chiara Ghigliazza, Pierluigi Longo, Federico Maggioni, Marina Marcolin, Martoz, Simone Rea, Jacopo Rosati, Alberto Ruggieri, Guido Scarabottolo, Arianna Vairo e Riccardo Vecchio, mentre al grande calligrafo Luca Barcellona è stato affidato il logo.

Fior di Zucche
mostra di illustrazione

QUANDO: 25 giugno — 4 settembre 2016
OPENING: 25 giugno | 18,00
DOVE: Spazio Tapirulan | c.so XX settembre 22, Cremona
INFO: Facebook

Dimitri Fogolin, “Omobono Tucenghi”

Dimitri Fogolin, “Omobono Tucenghi”

Dimitri Fogolin, “Gengis Khan”

Dimitri Fogolin, “Gengis Khan”

Alberto Ruggieri, “Cabrino Fondulo”

Alberto Ruggieri, “Cabrino Fondulo”

Alberto Ruggieri, “Filippo Brunelleschi”

Alberto Ruggieri, “Filippo Brunelleschi”

João Vaz de Carvahlo, “Antonio Stradivari”

João Vaz de Carvahlo, “Antonio Stradivari”

João Vaz de Carvahlo, “Isaac Newton”

João Vaz de Carvahlo, “Isaac Newton”

Giovanni Dare, “Luigi Voghera”

Giovanni Dare, “Luigi Voghera”

Giovanni Dare, “Ludwig Van Beethoven”

Giovanni Dare, “Ludwig Van Beethoven”

Riccardo Vecchio, “Amilcare Ponchielli”

Riccardo Vecchio, “Amilcare Ponchielli”

Riccardo Vecchio, “Toro Seduto”

Riccardo Vecchio, “Toro Seduto”