Barbie. The Icon: arriva a bologna la mostra con oltre 500 pezzi da collezione

Dal 18 maggio al 2 ottobre oltre 500 Barbie in mostra a Bologna

Barbara Millicent Roberts, nota e amata da ben 57 anni dalle bambine di tutto il mondo sempre e solo come Barbie, dopo Milano e Roma e Parigi (a Roma e Parigi le mostre sono ancora in corso) è in esposizione a Bologna presso Palazzo Albergati, da oggi, 18 maggio, al 2 ottobre.

Nata il 9 marzo del 1958, quando fu presentata per la prima volta alla New York International Toy Fair, Barbie ha svolto mille diverse professioni, astronauta, cuoca, infermiera, ambasciatrice Unicef, ha indossato un miliardo di abiti per 980 milioni di metri di stoffa. Ha saputo cambiare, decade dopo decade, con il cambiare delle mode e della società, sempre al passo con le generazioni di milioni di bambine, che l’hanno amata. Diventando fin da subito un’icona, un fenomeno antropologico, che ha saputo abbattere frontiere linguistiche, culturali, sociali, che ha saputo rappresentare oltre 50 diverse nazionalità.

(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)

A Bologna Barbie. The Icon, curata da Massimiliano Capella, si compone di 531 Barbie, provenienti da tutto il mondo, in un duplice percorso espositivo studiato per bambine/i di oggi (ci sono postazioni che attraverso una serie di attività consentono di approfondire la storia di Barbie) e di ieri (informazioni di approfondimento storico e culturale).


Divisa in sette sezioni si apre con Semplicemente Barbie, dove 8 pezzi sono chiamati a rappresentare ogni decade dal 1959 al 2016 (dalla prima Teenage Fashion Model Doll ai nuovissimi modelli della serie Barbie Fashionista).

(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)

La prima sezione Che Bambola. Da Teenage Fashion Model Doll a Fashionista è dedicata allo strettissimo rapporto di Barbie con la moda dichiarato fin dalla sua apparizione nel 1959 come Teenage Fashion Model Doll e, un anno dopo, come Fashion Editor (1960).
Il cui successo è certamente in larga parte dovuto alla possibilità di acquistare separatamente vestiti e accessori con cui rimpolpare anno dopo anno il suo guardaroba, con cui vestire e rivestire in un infinito gioco con “la moda”.


(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)

Nella seconda sezione della mostra, Barbie in passerella, sono raccolte le creazioni dei più grandi stilisti del mondo che hanno disegnato modelli dedicati a Barbie: da Moschino a Ferrè, da Versace a Dior, da Gucci a Calvin Klein, da Vivienne Westwood a Prada, Givenchy, fino a The Blonds e Louboutin.

La terza ed inedita sezione è dedicata al tema Moda e Vintage e ripercorre la storia delle Silkstone Barbie Dolls, disegnate dallo stilista Robert Best, quintessenza dell’eleganza haute couture anni cinquanta e sessanta, realizzate a partire dal 2000 in silkstone, una tipologia di plastica morbida, simile alla porcellana, con il modello del viso, il make up e il gusto raffinato della Ponytail Barbie Doll del 1959.

(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)

La quarta sezione: Barbie in viaggio. Dolls of the World . Ci sono Barbie vestite con i costumi tradizionali di diversi paesi del mondo e i modelli prodotti per celebrare importanti momenti della storia contemporanea, come la fine della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica o la cauta del Muro di Berlino.

La quinta sezione, I Can Be. Barbie Careers, mostra la infinite vite lavorative di questa instancabile ragazza di 57 anni.
La sesta sezione, intitolata Barbie Family, presenta non solo la famiglia (fratelli, sorella, l’eterno fidanzato Ken) e gli amici di Barbie e gli animali, ma anche il suo stile di vita: case, macchine, aerei e accessori vari.

(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)

La settima e ultima sezione, Diva, Celebrity e Opera d’Arte. Barbie Icona globale, racconta come nel tempo Barbie si sia identificata e confrontata con molte delle eroine dei suoi tempi da Elizabeth Taylor a Audrey Hepburn, Grace Kelly, Marilyn Monroe e molte altre.

Ho visitato la mostra in anteprima insieme al mio caro amico Franco, a Simone e alla piccola — eccitata per la continua scoperta — Sveva.
Per raccontarvi quanto mi è piaciuta dovrei partire da lontano, parlarvi di una bambina calabrese riccia e caparbia che di Barbie è arrivata ad averne 30, che ieri ormai quarantenne, ma sempre riccia e caparbia, si è commossa quasi fino alle lacrime, quando si è trovata di fronte alla sua amata Barbie Peach Flowers. Per quella bimba staccarsi dalle Barbie, regalandole alle cugine più piccole, per andare in collegio lontano da casa (e Barbie) a 10 anni, ha segnato una cesura tra il prima e il dopo. Ieri di fronte alla teca con le Barbie, che sono state mie, per un attimo sono tornata al prima, a quando amavo una bambola vestita di rosa pesca e glitter…

[cbtabs][cbtab title=”INFO”]Barbie. The Icon

QUANDO: 18 — 2 ottobre 2016
DOVE: Palazzo Albergati | via Saragozza 28, Bologna
INFO E PRENOTAZIONI: Ticket24ore | tel. 051/0301015
[/cbtab][cbtab title=”MAPPA”][/cbtab][/cbtabs]

(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Sveva Sbarbati per Frizzifrizzi)
(foto: Sveva Sbarbati per Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Sveva Sbarbati per Frizzifrizzi)
(foto: Sveva Sbarbati per Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Sveva Sbarbati per Frizzifrizzi)
(foto: Sveva Sbarbati per Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
(foto: Frizzifrizzi)
Un messaggio

Frizzifrizzi è sempre stato e sempre rimarrà gratuito. Si tratta di un progetto realizzato ogni giorno con amore e con impegno. La volontà è di continuare a farlo cercando di tenere al minimo la pubblicità. Per questo ti chiediamo una mano — se vorrai — con una piccola donazione. Potrai farla su PayPal.

GRAZIE DI CUORE.