USE-IT Milan: arriva la nuova mappa (aggiornata e piena d’odio)

Delle mappe USE-IT, nate dall’iniziativa di una serie di gruppi locali desiderosi di raccontare le proprie rispettive città da un’ottica “indigena”—quindi in modo diametralmente opposto alla maggior parte delle guide turistiche—abbiamo già parlato in più occasioni qui su Frizzifrizzi, presentando sia il progetto che esiste a livello europeo, USE-IT Europe, che, più nello specifico, quello portato avanti dal gruppo milanese.

Tra i tanti pregi di USE-IT c’è il fatto che le mappe sono distribuite gratuitamente e vengono aggiornate piuttosto spesso. E a poco più di un anno dall’edizione precedente ecco la nuova USE-IT Milan, uscita la scorsa settimana.
Per quanto ne so le immagini che seguono per ora sono un’esclusiva di Frizzifrizzi, perché ieri sera, al calar del sole, ho scritto una mail all’editor in chief, che è poi quel Federico Demartini che di tanto in tanto c’allieta coi suoi bisticci, e gli ho chiesto di mandarmi qualche foto. Foto che poi, nottetempo, sono arrivate, insieme a qualche delucidazione sulla copertina illustrata (opera di Giuseppe Di Lernia, che il Demartini ha definito “un figo di dio” e che ha realizzato anche le illustrazioni all’interno della mappa, con le caricature della varia fauna giovanile milanese, zona per zona) e sul concept.

use-it_milan_1

«Quest’anno il concetto è l’hating», ha spiegato il direttore, «ma a Milano si odia perché si ama: si odia il traffico perché si vorrebbero più ciclabili, si odiano le cose brutte perché è per quelle belle che si dovrebbe vivere, ci si lamenta di chi lavora poco perché si ama l’efficienza. E poi quella statua [il celeberrimo “dito” di Cattelan, installato davanti alla sede della Borsa] parla di odio ma si chiama L.O.V.E.».

Presto distribuita (gratis, come già accennato) in tutti i punti caldi della città, la mappa farà il suo bell’effetto sugli espositori.
«Prova a immaginarti una parete di diti medi all’info point del comune di Milano!», scriveva ieri notte Demartini.

USE-IT Milan è pubblicata da Milano Loves You grazie al supporto del Comune di Milano, ed è opera di una squadra composta dal già troppo citato Federico Demartini (editor in chief e testi), Tomaso Musicco (map design), Andrea Pioppi (art direction), Giuseppe Di Lernia (illustrazioni), Federica Chierici (testi) e Serena Pulga (testi e traduzioni).

use-it_milan_2

use-it_milan_3

use-it_milan_5

presentazione_piccione isola

presentazione_piccione ticinese

presentazione_piccione arco sarpi

presentazione_piccioni porta venezia

use-it_milan_hate

Altre storie
280 pittogrammi (da scaricare e usare gratuitamente) per raccontare il Giappone