Passare ore davanti a cose belle e gratis? La nostra rubrica Tesori d'archivio è la soluzione.
Alitalia 25 Years (L.50). Italy, 1971. Design: E. Ciocca

Tesori d’archivio: Graphilately e il graphic design dei francobolli

Per decenni, nel mondo del graphic design, ricevere l’incarico di disegnare un francobollo equivaleva a una vera e propria consacrazione ufficiale: le istituzioni, quell’apparato spesso lento e polveroso e inutilmente complicato, dimostravano di accorgersi di te e del tuo lavoro e, cosa ancor più importante, ti davano la possibilità di diventare immortale attraverso la stampa di un minuscolo pezzettino di carta dal valore legale e capace di portare un qualsiasi messaggio fino all’altra parte del mondo.

Fior di grafici e type designer hanno avuto l’onore di progettare francobolli — Saul Bass, Wim Crouwel, Milton Glaser, Eric Gill, Louise Fili… — e nonostante la progressiva dematerializzazione della corrispondenza, oggi affidata perlopiù all’email (nonché, quella privata, ai social network), anche se il francobollo ha perso gran parte della sua importanza e del suo fascino, il “fattore-consacrazione” rimane, perlomeno nella percezione del pubblico e degli addetti ai lavori (due esempi recenti: Marco Ventura e Andy Rementer).

7th International Congress of Biochemistry (15¥). Japan, 1967. Design: Unknown
Mexico 1968 Olympics ($10). Mexico, 1968. Design: Lance Wyman

E se forse oggi nessuno usa più il vecchio trucchetto del “ti mostro la mia collezione di francobolli” per invitare l’ingenua ragazza di turno a casa propria (dicono che ora funzioni meglio un più razionalista “vieni a vedere la mia collezione di ceramiche della DDR” o la tipofila-hipsterica “collezione di caratteri mobili”) c’è chi la propria raccolta di francobolli decide di metterla direttamente online, magari su Instagram, come Graphilately.

Gestito da Blair Thomson, direttore creativo dell’agenzia inglese Believe In, Graphilately pubblica a cadenza quasi quotidiana pezzi della storia della filatelia che rivestono una certa importanza anche nell’ambito del graphic design, accompagnando ciascuno con una didascalia che ne spiega nome, anno e paese di emissione e — quando è noto — pure il designer che l’ha progettato.

Energy Saving (60¥). Japan, 1981. Design: Hideo Toyomasu & Yoshiaki Kikuchi
25 years of the Society for Sport and Technology (GST) (10/20/35). East Germany, 1977. Design: A. & G. Haller
World Health Day (15c). United Nations, 1972. Design: George Hamori
World Communications Year (32c). Canada, 1983. Design: Raymond Bellemare
Arbor Day (0.01/0.35/2.00). Israel, 1975. Design: Asher Kalderon
Science & Industry (20¢). USA, 1983. Design: Saul Bass
Hong Kong Festivals (50c / $1 / $2). Hong Kong, 1975. Design: Tao Ho
Love (8¢). USA, 1973. Design: Robert Indiana
Alitalia 25 Years (L.50). Italy, 1971. Design: E. Ciocca
Europa Cept. Invensions. Exploration of Geothermal Energy (5.00 / 5.50). Iceland, 1983. Design: Þröstur Magnússon
National USSR Exhibition in London (15k). USSR, 1979. Design: Yury Artsimenev
Altre storie
Bang! La rivista-esperimento di Klaas Verplancke è uscita con il nuovo numero